Malaria: sintomi, cause e trattamento

La malaria è una malattia che produce sintomi molto simili all'influenza. Per questo motivo, può passare inosservata anche da specialisti qualificati.
Malaria: sintomi, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

La malaria è un’infezione causata da un parassita comune nei paesi tropicali e subtropicali. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ogni anno 229 milioni di persone vengono infettate con una media di 409.000 morti. È conosciuta anche come paludismo e rappresenta uno dei grandi problemi da superare nei paesi dell’America Latina, dell’Asia e dell’Africa.

I gruppi più vulnerabili sono i bambini, anche se tutti possono essere infettati dal parassita. La malattia può essere prevenuta rompendo la catena dei vettori, nonché con campagne di sensibilizzazione e farmaci antimalarici.

Le cause della malaria

La malaria è causata da cinque specie di parassiti che si trasmettono attraverso la zanzara Anopheles (solo femmine). Tuttavia, seguendo l’OMS, due degli agenti concentrano la maggior parte dei casi:

  • Plasmodium falciparum: responsabile del 99,7% dei casi in Africa, 71% nel Mediterraneo orientale, 65% nel Pacifico occidentale e 50% nella regione del sud-est asiatico.
  • Plasmodium vivax: responsabile delle infezioni nel continente americano, con circa il 75% di tutti i casi segnalati annualmente.

Insieme alle altre, queste specie del parassita viaggiano nelle zanzare Anopheles e infettano l’uomo durante la puntura. Come ci ricordano i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), non appena entrano nel corpo si rifugiano nel fegato e iniziano a moltiplicarsi rapidamente.

La prole dei parassiti viene quindi rilasciata nel flusso sanguigno, infettando i globuli rossi, moltiplicandoli e distruggendoli. Lo fanno ripetutamente fino a quando le cellule morte rilasciano tossine che attivano la risposta immunitaria. È a questo punto che il paziente sviluppa i sintomi della malattia.

Possiamo dire che solo quando i parassiti invadono il flusso sanguigno le persone manifestano i segni dell’infezione. Gli agenti patogeni possono durare fino a un mese nel fegato per riprodursi. Quando lo lascia, usano parte della membrana delle cellule che hanno infettato per uscire.

Quando una zanzara si nutre del sangue di una persona infetta, il ciclo ricomincia. Questo è l’unico meccanismo che genera la malaria, quindi non è possibile contrarre la malattia attraverso un altro canale.

La zanzara anofele trasmette la malaria.
Le zanzare sono i vettori della malaria. Il suo controllo è la chiave per ridurre l’incidenza della malattia.

I sintomi della malaria

Come abbiamo già indicato, i sintomi della malaria si verificano solo quando i parassiti invadono e distruggono i globuli rossi nel flusso sanguigno. Questo di solito si verifica da un paio di settimane a un mese dopo l’infezione. Alcune specie di Plasmodium possono durare fino a un anno o più in incubazione nel fegato e le loro manifestazioni sono più lievi.

Secondo la Johns Hopkins Medicine, i sintomi più comuni sono:

I segni sono identici a quelli dell’influenza. Lo sviluppo e l’evoluzione sono molto simili, anche se generalmente ci sono cicli che oscillano tra le 6 e le 24 ore.

Alcune complicazioni comuni sono l’anemia e la trombocitopenia. Nei casi più gravi, può portare a insufficienza renale, coma, malaria cerebrale e morte.

Diagnosi della malaria

I ricercatori concordano sul fatto che la malaria non è una malattia facile da identificare. La maggior parte degli episodi si sviluppa con sintomi lievi o moderati, quindi possono essere scambiati per l’influenza. La loro rilevazione può essere più difficile nelle regioni non endemiche.

La malaria può essere rilevata attraverso un profilo emocromocitometrico completo e l’esame microscopico mediante striscio di sangue. Il primo è utile per valutare le sequele dell’infezione, mentre il secondo permette di distinguere i parassiti con l’ausilio di un campione.

I kit di rilevamento rapido sono popolari in determinate località. Sono conosciuti come test diagnostici rapidi e sono di grande aiuto per contrastare la mancanza di apparecchiature che permettano di effettuare gli altri test.

Opzioni di trattamento

L’obiettivo del trattamento della malaria è eliminare i parassiti dal corpo e stabilizzare i sintomi. L’OMS fornisce una guida completa per affrontare la malattia in base alla sede, al tipo di parassita, alla gravità dei sintomi, alle condizioni precedenti, all’età e ad altri contesti speciali.

In genere si preferisce l’uso dei seguenti farmaci:

  • Chinino
  • Doxiciclina
  • Clindamicina
  • Sulfadossina-pirimetamina
  • Artemetere-lumefantrina
  • Atovaquone-proguanile

La clorochina è stata a lungo utilizzata come gold standard per il trattamento della malaria. Oggi molte persone sono resistenti al farmaco, quindi si preferisce la terapia di combinazione. I ricercatori concordano sul fatto che l’efficacia dei farmaci tende a essere sopravvalutata nei paesi non endemici.

Malaria nei globuli rossi.
La distruzione dei globuli rossi dall’interno, da parte del parassita, genera i sintomi.

Si può prevenire?

Ci sono molti modi per prevenire la malaria. Poiché non si sviluppa un’immunità contro il parassita, si può essere infettati più volte se non si prendono misure preventive dopo il trattamento.

Stanford Health Care raccomanda quanto segue:

  • Farsi vaccinare o medicarsi se si prevede di viaggiare in un paese endemico.
  • Utilizzare zanzariere intorno al letto per evitare morsi.
  • Applicare repellenti per insetti sulla pelle esposta.
  • Indossare magliette a maniche lunghe e pantaloni lunghi di notte.

Se si tiene conto di questo, si ridurranno le possibilità di contagio in futuro. Nelle aree endemiche si suggerisce di mettere in atto piani per spezzare la catena di contagio dei vettori.

Potrebbe interessarti ...
Germi: cosa sono, caratteristiche e tipologie
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Germi: cosa sono, caratteristiche e tipologie

I germi comprendono 6 tipi di microrganismi: virus, batteri, viroidi, prioni, funghi e protozoi. Sono tutti agenti patogeni.



  • Guidelines for the Treatment of Malaria. 3rd ed. Geneva: World Health Organization; 2015.
  • Tangpukdee, N., Duangdee, C., Wilairatana, P., & Krudsood, S. Malaria diagnosis: a brief review. The Korean journal of parasitology. 2009; 47(2): 93.
  • Whitty CJ, Lalloo D, Ustianowski A. Malaria: an update on treatment of adults in non-endemic countries. BMJ. 2006 Jul 29;333(7561):241-5.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.