Le cause dell'HIV e i fattori di rischio

L'HIV è una delle infezioni più sconosciute. Qui ti mostriamo cosa lo causa, i suoi fattori di rischio e consigli di prevenzione.
Le cause dell'HIV e i fattori di rischio

Ultimo aggiornamento: 19 dicembre, 2022

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nel 2020 sono morte di HIV 690.000 persone, con una media di 1,5 milioni di contagiati per la prima volta. Finora, si stima che il virus abbia causato quasi 35 milioni di morti in tutto il mondo. Comprendere le cause e i fattori di rischio dell’HIV fa parte del processo di prevenzione.

Nonostante le campagne sviluppate, persistono ancora pregiudizi e fraintendimenti sul contagio. Oggi rispondiamo a tutte le domande che avete sul suo meccanismo di trasmissione, oltre ad alcuni consigli che dovreste prendere in considerazione per evitare il contagio.

Quali sono le cause dell’HIV?

Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) è un retrovirus. Più specificamente, un lentivirus che distrugge alcuni globuli bianchi nel corpo. Ciò provoca un indebolimento del sistema immunitario e, con esso, l’esposizione a infezioni e cancro. Quando viene trasmesso al corpo di una persona, si dice che abbia l’infezione da HIV.

Le infezioni sono causate da due retrovirus specifici: HIV-1 e HIV-2. La maggior parte dei casi segnalati in tutto il mondo corrisponde al primo, sebbene il secondo sia molto diffuso nell’Africa occidentale. Secondo i ricercatori, l’HIV-1 ha un tasso di mortalità più elevato rispetto alla seconda variante.

Una volta nel corpo, il virus distrugge progressivamente i linfociti CD4+. Ciò significa che, nel corso degli anni, i pazienti sviluppano una maggiore vulnerabilità alle infezioni. In effetti, la maggior parte dei decessi per HIV non è causata dal virus stesso, ma da complicazioni.

La diffusione del virus nel mondo è iniziata negli anni ’70 e i primi casi di AIDS sono stati segnalati nel 1981. Da allora sono emerse molte teorie sulla sua origine. Recenti ricerche confermano che si tratta di una mutazione del virus dell’immunodeficienza delle scimmie (SIV) che colpisce alcune specie di scimpanzé dell’Africa centrale.

Se l’infezione non viene curata, il paziente sviluppa la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) durante la sua evoluzione. Come ci ricordano i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), questa è l’ultima fase dell’infezione e, in assenza di terapia, la durata media della vita è di circa tre anni.

Virus dell'immunodeficienza umana HIV.
Il virus che causa l’AIDS ha due varietà. Uno è predominante nella maggior parte del mondo.

Come si trasmette l’HIV?

Abbiamo già sottolineato che le cause dell’HIV sono due tipi di retrovirus. È tempo, quindi, di descrivere i canali attraverso i quali si può essere contagiati.

Il virus si diffonde scambiando fluidi corporei con una persona infetta. Questi sarebbero sperma, secrezioni vaginali, latte materno e sangue.

Cause dell’HIV: contatto sessuale

Si può contrarre l’HIV attraverso il contatto con il virus con il rivestimento della vagina, del pene, del retto o della bocca, come ci ricorda la Johns Hopkins Medicine. La maggior parte delle persone crede che il contagio sia possibile solo attraverso il sesso anale. Sebbene sia vero che il rivestimento del retto è più sensibile, come sottolinea il CDC, sono possibili infezioni vaginali.

C’è anche una leggera differenza tra il mittente e il destinatario dell’atto. Da un punto di vista statistico, questi ultimi hanno maggiori rischi di contagio.

Sia gli uomini che le donne possono contrarre l’infezione. Oggi, infatti, la percentuale di uomini e donne contagiati dall’HIV è molto simile. Ad esempio, entro il 2015, UN Women ha stimato che il 51% dei casi fosse di sesso femminile.

Trasmissione da madre a figlio

Secondo i dati dell’OMS, c’è un rischio dal 15% al 45% che il virus infetti il bambino in una madre sieropositiva. Questo avviene nel caso in cui non si segue un trattamento. In caso di collisione, il rischio si riduce a meno del 5%. Il contagio può avvenire durante lo sviluppo del feto, durante il travaglio o durante l’allattamento.

La maggior parte dei casi di HIV nei bambini è dovuta a questo tipo di trasmissione. Tutte le donne incinte dovrebbero sottoporsi al test per l’HIV. Il trattamento inizia intorno al secondo trimestre di gravidanza e continua durante l’allattamento.

Trasfusioni di sangue e ago

I canali di trasmissione attraverso l’ingresso di sangue rappresentano una grande sfida in molti paesi. Le trasfusioni di sangue con l’HIV sono oggi molto rare, poiché sono disponibili meccanismi di analisi per determinare se il tessuto del donatore è infetto.

Anche così, diversi casi vengono segnalati ogni anno in tutto il mondo. In linea di principio, in regioni particolarmente vulnerabili. Anche la condivisione di aghi o siringhe contaminati, come è comune nell’uso di droghe ricreative, è un canale diretto di contaminazione.

Le ferite da taglio che entrano in contatto con sangue infetto e l’esposizione a tatuaggi, modifiche, piercing e altre attrezzature non disinfettati aumentano il rischio di trasmissione.

Come non si trasmette l’HIV?

Questi che descriviamo sono i principali canali attraverso i quali è possibile contrarre l’HIV. Come fa bene a ricordarci la Stanford Health Care , il virus non può essere trasmesso nei seguenti contesti:

  • Coccole o abbracci
  • Scambio di sudore, saliva o lacrime.
  • Condivisione di oggetti con persone infette (vestiti, asciugamani, telefoni cellulari).
  • Insetti vettori (come le zanzare).
  • Sedili WC.
  • Piscine.
  • Cibo gestito da persone con HIV.

Se vi è stata diagnosticata una malattia a trasmissione sessuale (STD), avete maggiori possibilità di contrarre o trasmettere il virus, anche se non attraverso le vie precedenti. In breve, le cause dell’HIV sono legate a un retrovirus che si trasmette attraverso incontri sessuali, contatto diretto con sangue iniettato e durante il parto o l’allattamento.

Come prevenire le cause dell’HIV?

Sulla base di quanto sopra, possiamo determinare i meccanismi per prevenire l’infezione. L’UNAIDS raccomanda quanto segue:

  • Usare preservativi maschili o femminili in ogni incontro sessuale.
  • Ridurre il numero di partner sessuali.
  • Fare la circoncisione.
  • Utilizzare aghi e iniettori sterili in qualsiasi ambiente.
  • Iniziare la terapia sostitutiva con oppioidi.
  • Scoprire la prevalenza della malattia nella regione.

Sebbene queste considerazioni riducano le possibilità di infezione, il programma delle Nazioni Unite suggerisce che da sole non possono porre fine all’epidemia. Come abbiamo già indicato, le madri dovrebbero sottoporsi a test per evitare il contagio del virus se sono portatrici.

Preservativo per prevenire le cause dell'HIV.
L’uso del preservativo è essenziale per fermare la diffusione dell’HIV.

Domande frequenti sulle cause dell’HIV

Abbiamo respinto questa sezione sulle cause dell’HIV rispondendo a una serie di domande sull’infezione. Prestate loro attenzione per usarli come metodo di prevenzione.

1. L’HIV può essere trasmesso attraverso il sesso orale?

Sì, gli studi al riguardo confermano che l’infezione può essere trasmessa attraverso il sesso orale con persone infette. Il rischio, tuttavia, è inferiore rispetto al sesso anale o vaginale.

2. Dove si trova l’infezione nel corpo?

I virus possono essere trovati in tutti i fluidi corporei. Sebbene la sua prevalenza sia maggiore nello sperma, nei liquidi vaginali, nel sangue e nel latte materno.

La ricerca indica che oltre il 90% del virus viene distrutto nella saliva, quindi le infezioni da scambi di liquidi salivari sono altamente improbabili. In realtà, non c’è alcuna prova che sia possibile.

3. I preservativi in lattice possono prevenire l’infezione?

Usati correttamente, i preservativi possono ridurre le possibilità di infezione di oltre il 90%. Non è, nonostante questo, un metodo infallibile.

4. Si può essere infettati condividendo i rasoi?

Sì, il contatto con qualsiasi tipo di strumento che abbia tracce di sangue di una persona iniettata rappresenta un rischio di contagio. Questo è estrapolato a coltelli, coltelli da tasca e siringhe.

Potrebbe interessarti ...
Trattamento dell’HIV
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Trattamento dell’HIV

Il trattamento dell'HIV consiste in una terapia antiretrovirale che ferma il progresso dell'infezione e previene le complicazioni.



  • Baron S, Poast J, Cloyd MW. Why is HIV rarely transmitted by oral secretions? Saliva can disrupt orally shed, infected leukocytes. Arch Intern Med. 1999 Feb 8;159(3):303-10.
  • Hawkins, D. A. Oral sex and HIV transmission. 2001.
  • Sharp PM, Hahn BH. Origins of HIV and the AIDS pandemic. Cold Spring Harb Perspect Med. 2011 Sep;1(1):a006841.
  • Whittle H, Morris J, Todd J, Corrah T, Sabally S, Bangali J, Ngom PT, Rolfe M, Wilkins A. HIV-2-infected patients survive longer than HIV-1-infected patients. AIDS. 1994 Nov;8(11):1617-20.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.