Acne neonatale: cause, sintomi e trattamento

Si verifica più di frequente nei bambini maschi, sebbene possa colpire anche le femmine. L'incidenza è stimata intorno al 20% dei neonati sani. Che cos'è l'acne neonatale?
Acne neonatale: cause, sintomi e trattamento

Scritto da Maite Córdova Vena, 05 luglio, 2021

Ultimo aggiornamento: 05 luglio, 2021

Crosta lattea o dermatite seborroica, dermatite da pannolino, miliaria, milia e acne neonatale sono diversi disturbi della pelle che un bambino può presentare alla nascita. Sebbene di solito siano di natura lieve e transitoria, possono causare qualche preoccupazione nei genitori. Soprattutto se alle prime armi.

L’acne neonatale è una condizione infiammatoria della pelle che i neonati possono sviluppare durante le prime settimane o mesi di vita. In alcuni casi può manifestarsi dopo poche settimane, in altri può comparire più tardi, quando il bambino ha già compiuto qualche mese di età.

Secondo gli esperti, è una variante dell’acne vulgaris. Si verifica più di frequente nei bambini maschi, sebbene possa colpire anche le femmine. L’incidenza è stimata intorno al 20% dei neonati sani.

A differenza di quanto si tende a pensare, di solito non è grave, ma è sempre meglio consultare il pediatra. Una visita e una diagnosi precoce possono aiutare a capire cosa sta succedendo alla pelle del bambino (se si tratta di acne neonatale o un’altra condizione) e cosa evitare per non aggravare la situazione.

Cause

L'acne neonatale ha diverse origini
Sono molti i fattori che intervengono nella comparsa dell’acne neonatale, dalla genetica a fattori ambientali.

Come con altri tipi di acne, l’acne neonatale non ha un’unica causa, ma è determinata da una combinazione di fattori.

Secondo l’articolo Neonatal and infantile acne – ethiopathogenesis, clinical presentation and treatment possibilities:

“Si ritiene che lo squilibrio negli androgeni causato dagli steroidi materni nei casi neonatali e dalla secrezione endogena nei neonati sia la causa principale di queste forme di acne pediatrica. Nei pazienti con sintomi di virilizzazione, pubertà precoce o disturbi della crescita, è opportuno un esame approfondito per rilevare le cause endocrine sottostanti”.

Sintomi

L’acne neonatale è caratterizzata dalla comparsa di poche papule rossastre o granellini, a volte accompagnate da pustole bianche e comedoni.

Queste lesioni di solito colpiscono principalmente la guancia. Tuttavia, può estendersi alla fronte, il naso e l’area del mento, come accade con i grani di milio.

D’altra parte, in alcuni casi di acne neonatale le lesioni compaiono non solo sul viso, ma anche sul cuoio capelluto, sul collo, sul torace e sulla parte superiore della schiena. Tuttavia, in genere si limita a colpire l’area delle guance.

I sintomi sono di solito lievi e si risolvono spontaneamente entro i tre mesi di età. Solo in alcuni casi potrebbe diventare persistente e richiedere un controllo medico più approfondito.

L’acne neonatale può occasionalmente evolvere in acne infantile, caratterizzata da lesioni tipiche dell’acne, dalla settimana 6 ai 7 anni di età, con lesioni infiammatorie e comedoni chiusi, prevalentemente sulle guance.

Trattamento dell’acne neonatale

Acne neonatale: di solito non richiede trattamento
Nella maggior parte dei casi, non è necessario applicare un trattamento specifico per l’acne neonatale, poiché di solito è lieve e scompare spontaneamente.

A differenza dell’acne adolescenziale, l’acne neonatale di solito non richiede alcun trattamento e scompare da sola, senza lasciare segni, entro i 3 mesi di età. In generale, è sufficiente tenere conto delle indicazioni del pediatra in merito alla cura della pelle.

Le raccomandazioni di solito sono:

  • Non manipolare le lesioni.
  • Lavare la pelle del bambino con acqua tiepida.
  • Evitare prodotti per l’igiene e la pulizia a base di olio.
  • Asciugare delicatamente la pelle del bambino con un asciugamano pulito. Non strofinare.
  • Non applicare alcun prodotto antiacne senza l’autorizzazione del pediatra o del dermatologo.

L’applicazione di prodotti da banco (saponi, gel, oli, ecc.) può essere dannosa per la pelle delicata del bambino, così come altri trattamenti non prescritti dal medico.

Non va dimenticato che, per quanto un prodotto sia classificato come antiacne, non è utile in tutti i casi. Indipendentemente dall’età (infanzia, adolescenza, età adulta), è meglio consultare sempre il dermatologo per dare alla pelle ciò di cui ha bisogno per essere sana.

It might interest you...
Tutto sull’acne infantile
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Tutto sull’acne infantile

L'acne infantile è una condizione della pelle che può colpire i bambini di età compresa tra i 2 e i 12 mesi. Non sempre richiede trattamento.