Smettere di fumare: 10 vantaggi

Daniela Andarcia · 20 Maggio, 2021
Smettere di fumare migliora la circolazione, rafforza il sistema immunitario e riduce il rischio di ammalarsi di cancro. Quali altri vantaggi offre?

La maggior parte dei fumatori è consapevole degli effetti negativi del fumo. Questa abitudine non solo aumenta il rischio di sviluppare malattie croniche, ma può portare a morte prematura. Conoscete tutti i vantaggi legati allo smettere di fumare?

Liberarsi di questa abitudine non è facile, soprattutto a causa della sindrome da astinenza. Tuttavia, smettere di fumare ha effetti quasi immediati. Sapevate che già dopo 20 minuti di assenza di fumo la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diminuiscono?

Smettere di fumare: principali vantaggi

Smettere di fumare può essere una vera sfida, ma ne vale la pena se si considerano i benefici che questa decisione può portare alla salute fisica e mentale. Vediamoli in dettaglio.

1. Si spezza il ciclo della dipendenza

smettere di fumare può ridurre i livelli di depressione, ansia e stress
Smettere di fumare può ridurre i livelli di depressione, ansia e stress.

Secondo uno studio scientifico statunitense, è probabile che dopo solo un mese dall’abbandono del fumo, la salute cominci gradualmente a migliorare. Questo perché i recettori delle cellule nervose che si erano legati alla nicotina tornano alla normalità e il ciclo della dipendenza viene interrotto.

2. Migliora la circolazione

Esistono prove scientifiche secondo cui il fumo è associato a un aumentato rischio di malattie vascolari.

Fortunatamente, la circolazione migliora subito, 2-12 settimane dopo aver smesso di fumare, rendendo più facile l’esercizio fisico e riducendo il rischio di subire un infarto miocardico acuto o una morte cardiaca improvvisa.

3. Si riscoprono sapori e odori

Uno studio pubblicato sul Journal of Neurology ha scoperto che il fumo altera le papille gustative e le terminazioni nervose nel naso.

È stato dimostrato, tuttavia, che rinunciare a questa abitudine migliora notevolmente i senso del gusto e dell’olfatto.

4. Aumenta l’energia e si rafforza il sistema immunitario

Secondo il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito, smettere di fumare può migliorare la circolazione sanguigna e rendere più facile l’attività fisica.

Allo stesso modo può rafforzare il sistema immunitario, aumentando la protezione contro il raffreddore e l’influenza. Aumentano anche i livelli di ossigeno nel sangue, il che è associato a una riduzione della fatica e delle crisi di mal di testa.

5. Denti più bianchi e alito più fresco

Perdere questa abitudine non solo evita la comparsa di macchie sui denti, ma migliora l’alito. Inoltre, gli ex fumatori hanno meno probabilità di soffrire di parodontite e di perdere i denti precocemente.

6. Migliora la vita sessuale

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista medica Andrologia, il fumo è una delle principali cause di disfunzione erettile negli uomini.

Allo stesso modo, una ricerca pubblicata su Journal of Psychosexual Health ha scoperto che il tabacco può contribuire alla disfunzione sessuale femminile diminuendo la lubrificazione genitale e la frequenza dell’orgasmo.

7. Riduce il rischio di cancro

È stato dimostrato che quando le persone che fumano più di 15 sigarette al giorno riducono il consumo del 50%, il rischio di cancro ai polmoni si riduce drasticamente.

Allo stesso modo, una ricerca pubblicata su Cancer Epidemiology indica che maggiore è il tempo da cui si è smesso di fumare, minore è il rischio di cancro sia negli uomini che nelle donne. Lo studio suggerisce che anche i fumatori accaniti possono trarre vantaggio dallo smettere di fumare.

Secondo la stessa pubblicazione, altri tipi di cancro che possono essere così evitati sono il cancro dell’esofago, del rene, della vescica e del pancreas.

8. Migliore salute della pelle

I vantaggi di smettere di fumare includono un migliore aspetto della pelle
Smettere di fumare porta ad un migliore aspetto della pelle.

Secondo uno studio condotto a Milano e pubblicato su Skinmed, smettere di fumare può migliorare la salute della pelle; soprattutto ritarda l’invecchiamento. La pelle acquista un livello di ossigenazione maggiore, sfrutta meglio i nutrienti e perde l’aspetto giallastro e rugoso tipico dei fumatori.

9. Protegge i nostri cari

Come affermato dal Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito, smettere di fumare significa proteggere la salute dei nostri amici e dei nostri familiari. L’esposizione passiva al fumo può aumentare la probabilità di cancro ai polmoni, malattie cardiache e ictus.

Raddoppia inoltre la propensione a soffrire di diverse malattie respiratorie come polmonite, asma e respiro sibilante nei bambini. Oltre a sviluppare tre volte il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni in età avanzata.

10. Riduce i livelli di stress, ansia e depressione

Uno studio pubblicato su BMJ: British Medical Journal sostiene che smettere di fumare può ridurre i livelli di depressione, ansia e stress. Gli effetti possono essere uguali o maggiori dei trattamenti antidepressivi per il trattamento dei disturbi dell’umore e dell’ansia.

Allo stesso modo, sempre secondo questa ricerca, gli ex fumatori hanno un umore e una qualità di vita migliori rispetto a chi continua con la dipendenza dal tabacco.

Smettere di fumare: effetti collaterali

È vero che smettere di fumare è più vantaggioso che mantenere il vizio. Tuttavia, per abbandonarlo è necessario superare una serie di effetti collaterali legati al fatto che il corpo deve abituarsi a fare a meno della nicotina.

Secondo vari studi, l’insieme di questi sintomi possono essere considerati una vera e propria sindrome da astinenza. Diamo uno sguardo più da vicino a ciò che potreste sperimentare, ricordandovi però che questi sintomi sono temporanei:

  • Mal di testa e nausea.
  • Formicolio alle mani e ai piedi, causato da un miglioramento della circolazione.
  • Tosse e mal di gola: possono verificarsi quando i polmoni cominciano a rimuovere il muco e altri scarti associati al fumo.
  • Aumento dell’appetito e del peso. Man mano che l’energia aumenta, è normale che aumenti anche l’appetito. Inoltre, alcune persone mangiano per compensare l’assenza delle sigarette, con conseguente aumento di peso.
  • Voglia ansiosa di fumare.
  • Sentimenti di irritabilità, frustrazione e rabbia.
  • Stipsi.
  • Difficoltà di concentrazione.
  • Bocca asciutta.
  • Ansia, depressione e insonnia. I fumatori sono ad alto rischio di depressione e ansia e fumare può farli sentire meglio; quindi quando smettono di fumare è possibile avvertire ansia o depressione.

Sequenza temporale nel processo di uscita dall’abitudine di fumare

Forse vi state chiedendo quando si faranno notare i primi benefici, una volta che si smetta di fumare. Ecco cosa dice l’American Cancer Society :

  • 20 minuti dopo aver smesso, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna rallentano.
  • 8-12 ore dopo aver smesso, il livello di monossido di carbonio nel sangue diminuisce.
  • Dalle 2 settimane ai 3 mesi dall’ultima sigaretta, si riduce il rischio di infarto.
  • Dopo 1-9 mesi la mancanza di fiato e la tosse si riducono.
  • 1 anno dopo il rischio di malattie cardiache viene dimezzato.
  • 5 anni dopo è meno probabile essere colpiti da ictus.
  • 10 anni dopo, la propensione a sviluppare il cancro ai polmoni è pari a quella di una persona che non ha mai fumato.
  • 15 anni dopo, la probabilità di soffrire di malattie cardiache si riduce a quella di chi non ha mai fumato.

Smettere di fumare: solo benefici

Forse l’idea di dover passare attraverso i sintomi da astinenza può scoraggiarvi, tuttavia ricordate: smettere di fumare offre solo vantaggi. Dal percepire meglio odori e sapori, sentirsi meno stanchi e avere una migliore salute orale, alla riduzione del rischio di malattie cardiache, ictus e cancro ai polmoni.

Il primo beneficio lo sentirete a pochi minuti dall’ultima sigaretta: la certezza che smettere di fumare aggiungerà anni alla vostra vita.

  • Paz M. El tabaquismo: una adicción. Rev Chil Enferm Respir 2017; 33: 186-189.
  • The American Cancer Society [Last Revised 2020 Nov 10]. Health Benefits of Quitting Smoking Over Time. Available from: https://www.cancer.org/healthy/stay-away-from-tobacco/benefits-of-quitting-smoking-over-time.html
  • Centers for Disease Control and Prevention (US); National Center for Chronic Disease Prevention and Health Promotion (US); Office on Smoking and Health (US). How Tobacco Smoke Causes Disease: The Biology and Behavioral Basis for Smoking-Attributable Disease: A Report of the Surgeon General. Atlanta (GA): Centers for Disease Control and Prevention (US); 2010. 4, Nicotine Addiction: Past and Present. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK53018/
  • Czernin, J., & Waldherr, C. (2003). Cigarette smoking and coronary blood flow. Progress in cardiovascular diseases, 45(5), 395–404. https://doi.org/10.1053/pcad.2003.00104
  • Dobson, A. J., Alexander, H. M., Heller, R. F., & Lloyd, D. M. (1991). How soon after quitting smoking does risk of heart attack decline?. Journal of clinical epidemiology, 44(11), 1247–1253. https://doi.org/10.1016/0895-4356(91)90157-5
  • Vennemann, M. M., Hummel, T., & Berger, K. (2008). The association between smoking and smell and taste impairment in the general population. Journal of neurology, 255(8), 1121–1126. https://doi.org/10.1007/s00415-008-0807-9
  • Da Ré, A. F., Gurgel, L. G., Buffon, G., Moura, W., Marques Vidor, D., & Maahs, M. (2018). Tobacco Influence on Taste and Smell: Systematic Review of the Literature. International archives of otorhinolaryngology, 22(1), 81–87. https://doi.org/10.1055/s-0036-1597921
  • The National Health Service [Last Revised 2018 Oct 25]. Quit smoking. Available from: https://www.nhs.uk/live-well/quit-smoking/
  • Kovac, J. R., Labbate, C., Ramasamy, R., Tang, D., & Lipshultz, L. I. (2015). Effects of cigarette smoking on erectile dysfunction. Andrologia, 47(10), 1087–1092. https://doi.org/10.1111/and.12393
  • Ghadigaonkar, D. S., & Murthy, P. (2019). Sexual Dysfunction in Persons With Substance Use Disorders. Journal of Psychosexual Health, 1(2), 117–121. https://doi.org/10.1177/2631831819849365
  • Godtfredsen, N. S., Prescott, E., & Osler, M. (2005). Effect of smoking reduction on lung cancer risk. JAMA, 294(12), 1505–1510. https://doi.org/10.1001/jama.294.12.1505
  • Saito, E., Inoue, M., Tsugane, S., Ito, H., Matsuo, K., Wakai, K., Wada, K., Nagata, C., Tamakoshi, A., Sugawara, Y., Tsuji, I., Mizoue, T., Tanaka, K., Sasazuki, S., & Research Group for the Development and Evaluation of Cancer Prevention Strategies in Japan (2017). Smoking cessation and subsequent risk of cancer: A pooled analysis of eight population-based cohort studies in Japan. Cancer epidemiology, 51, 98–108. https://doi.org/10.1016/j.canep.2017.10.013
  • Serri, R., Romano, M. C., & Sparavigna, A. (2010). “Quitting smoking rejuvenates the skin”: results of a pilot project on smoking cessation conducted in Milan, Italy. Skinmed, 8(1), 23–29.
  • Taylor, G., McNeill, A., Girling, A., Farley, A., Lindson-Hawley, N., & Aveyard, P. (2014). Change in mental health after smoking cessation: Systematic review and meta-analysis. BMJ: British Medical Journal, 348, Article g1151. https://doi.org/10.1136/bmj.g1151