La ricerca

La ricerca parte da un'idea e un approccio e si conclude con la raccolta, l'analisi dei dati e una relazione. Viene svolta principalmente all'interno di due correnti di pensiero: la ricerca quantitativa, legata alla tradizione positivista e la ricerca qualitativa, legata all'indagine naturalistica.
La ricerca
Paula Villasante

Scritto e verificato da la psicóloga Paula Villasante in 01 settembre, 2021.

Ultimo aggiornamento: 01 settembre, 2021

La ricerca è concepita come un processo, ovvero qualcosa di dinamico, mutevole ed evolutivo. È composto da più fasi strettamente legate tra loro, che si verificano o non si verificano in modo sequenziale o continuo.

Quindi, la ricerca parte da un’idea e un approccio e si conclude con la raccolta, l’analisi dei dati e una relazione.

Nel campo della salute, la ricerca viene svolta principalmente all’interno di due correnti di pensiero:

  • Da un lato troviamo la ricerca quantitativa, legata alla tradizione positivista.
  • Dall’altro, la ricerca qualitativa, spesso legata all’indagine naturalistica.

Progetti

I progetti di ricerca hanno normalmente due scopi principali:

  • Generare conoscenze e teorie.
  • Risolvere problemi pratici.

Un progetto di ricerca è volto a produrre conoscenza scientifica. Si compone di diverse fasi strettamente correlate. Inoltre, è un modo per porre problemi e cercare soluzioni perché vi è un interesse teorico o pratico.

Approcci nella ricerca

ricerca informatica

Nel corso della storia della scienza sono emerse varie correnti di pensiero come l’empirismo, il materialismo dialettico, il positivismo, la fenomenologia e lo strutturalismo. Queste hanno dato origine a percorsi diversi nella ricerca della conoscenza.

Dalla seconda metà del XX secolo, queste tendenze sono state suddivise principalmente in due approcci: l’approccio quantitativo e l’approccio qualitativo.

In generale, entrambi utilizzano cinque fasi simili e correlate:

  • Eseguono l’osservazione e la valutazione dei fenomeni.
  • Stabiliscono ipotesi o idee come conseguenza dell’osservazione e della valutazione effettuate.
  • Mettono alla prova e dimostrano il grado in cui le ipotesi o le idee sono suffragate.
  • Esaminano tali ipotesi o idee sulla base di prove o analisi.
  • Propongono nuove osservazioni e valutazioni per chiarire, modificare, consolidare e/o supportare i presupposti e le idee; o anche per generarne altri.

L’approccio quantitativo

L’approccio quantitativo trae origine dal lavoro di Auguste Comte (1798-1857) ed Emile Durkheim (1858-1917). La proposta dei due pensatori era ricondurre lo studio dei fenomeni sociali ad un metodo scientifico. In altre parole, sostenevano che tutti i fenomeni possono essere misurati.

Le seguenti sono le caratteristiche dell’approccio quantitativo:

  • Utilizza la raccolta e l’analisi dei dati per rispondere a una o più domande di ricerca e testare ipotesi precedentemente stabilite.
  • Si basa sulla misurazione numerica, sul conteggio e spesso sull’uso di statistiche per stabilire con precisione modelli di comportamento in una popolazione.
  • Si basa su uno schema deduttivo e logico. È riduzionista e cerca di generalizzare i risultati dei suoi studi attraverso campioni rappresentativi.
  • Prima sceglie un’idea, che poi trasforma in una o più domande di ricerca.
  • Dalla domanda di ricerca derivano una o più ipotesi, viene sviluppata una strategia per dimostrarla o confutarla.
  • Misura e definisce le variabili in un determinato contesto.
  • Analizza le misurazioni ottenute con metodi statistici.
  • Stabilisce una serie di conclusioni sull’ipotesi.
  • Le ipotesi vengono verificate utilizzando appropriati disegni di ricerca.
  • Il modo affidabile per conoscere la realtà è attraverso la raccolta e l’analisi dei dati secondo determinate regole logiche.
  • È associato a esperimenti, sondaggi con domande chiuse o studi che utilizzano strumenti di misurazione standardizzati.
  • Questo approccio è il più utilizzato nelle scienze esatte e nelle scienze della salute.

Esempi di questo approccio sono studi di prevalenza, casi e controlli, coorti, studi clinici, ecc., ampiamente utilizzati nel campo della salute, come abbiamo detto.

ricercatori in laboratorio

L’approccio qualitativo

Questo approccio è stato utilizzato da Max Weber (1864-1920) e anche nelle scienze sociali. Secondo questa corrente di pensiero, dovrebbero essere considerati i significati soggettivi e la comprensione del contesto in cui si verifica il fenomeno, oltre alla descrizione e misurazione delle variabili sociali.

L’ approccio ha le seguenti caratteristiche:

  • Di solito viene utilizzato prima per scoprire e perfezionare le domande di ricerca e talvolta le ipotesi vengono verificate.
  • Si basa su metodi di raccolta dati senza misurazione numerica, come la descrizione e l’osservazione del fenomeno. Il processo è flessibile e si muove tra gli eventi e la loro interpretazione.
  • Il suo scopo è ricostruire la realtà. Viene spesso chiamato “olistico”. Si basa su uno schema induttivo.
  • È guidato da aree o temi significativi e non ha lo scopo di generalizzare i risultati della sua ricerca.
  • La domanda e le ipotesi di ricerca possono essere sviluppate prima, durante o dopo la raccolta e l’analisi dei dati.
  • È in genere usato nei fenomeni sociali, poiché la sua enfasi non è sulla misurazione delle variabili coinvolte in detto fenomeno. La sua enfasi è sulla comprensione, non effettua analisi statistiche.
  • A volte è definita ricerca naturalistica, fenomenologica, interpretativa o etnografica.
  • I metodi di raccolta dati utilizzano tecniche che non sono destinate a misurare o associare misurazioni a numeri. Alcuni di loro sono:
    • Osservazione strutturata.
    • Interviste aperte.
    • Revisione del documento.
    • Discussione di gruppo.
    • Valutazione delle esperienze personali.
    • Analisi della storia della vita.
    • Analisi semantica e del discorso quotidiano.
    • Integrazione con gruppi o comunità.
  • La ricerca è principalmente condotta in ambienti naturali. In essi, i partecipanti si comportano come nella loro vita quotidiana.
  • Le variabili non sono definite ai fini della manipolazione o del controllo sperimentale.
  • Il ricercatore osserva gli eventi ordinari e le attività quotidiane che si svolgono in ambienti naturali. Quindi, è direttamente coinvolto con le persone che vengono studiate e condizionato dalle sue esperienze personali.
  • Le tecniche di ricerca e le abilità sociali sono utilizzate in modo flessibile.

Alcuni esempi di questo approccio sono studi fenomenologici, etnografici, antropologici, ricerca olistica, casi di studio, ricerca di focus group, ecc.

L’approccio misto

L’approccio misto o multimetodo costituisce il più alto livello di integrazione tra approcci qualitativi e quantitativi. Entrambi sono combinati o mescolati nel processo di ricerca o, almeno, nella maggior parte delle fasi.

Richiede una gestione completa degli approcci e una mente aperta, aggiunge complessità al disegno dello studio, ma contempla tutti i vantaggi di ciascuno degli approcci.

Vantaggi dell’approccio misto:

  • Complementarità.
  • Estensione della comprensione teorica.
  • Validità aumentata.
  • Ampliamento delle frontiere della conoscenza.

Ostacoli allo sviluppo della ricerca scientifica:

  • Pregiudizi epistemologici.
  • Maggiore formazione del ricercatore.
  • Costi.
  • Sfide analitiche.
  • Pregiudizi degli editori.

Entrambi gli approcci di ricerca presentano differenze sia nella metodologia che nella teoria. Tuttavia, entrambi riguardano la ricerca della conoscenza e incontrano vincoli e sfide simili. Pertanto, la scelta del metodo appropriato dipende dalla sensibilità e dalla filosofia del ricercatore, ma anche dalla domanda di ricerca.

Potrebbe interessarti ...
Storia della scienza
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Storia della scienza

Tradizionalmente si situa l'inizio della storia della scienza quando si è scoperto che alcuni fenomeni sono 'causa' e altri 'effetto'.



  • Hernández Sampieri, R., Fernández Collado, C., & Baptista Lucio, P. (1996). Metodología de la Investigación. Mac Graw Hill, México.
  • Grinnell, R. (1997). Social Research and Evaluation. Quantitative and Qualitative Approaches.
  • Vargas, A. (1999). Metodología de la Investigación. Spanta. México.
  • Vega-Malagón, G., Ávila-Morales, J., Vega-Malagón, A. J., Camacho-Calderón, N., Becerril-Santos, A., & Leo-Amador, G. E. (2014). Paradigmas en la investigación. Enfoque cuantitativo y cualitativo. European Scientific Journal, ESJ, 10(15).