La dieta ideale per chi ha l'acne

Vi insegneremo come pianificare una dieta corretta per il trattamento dell'acne, che ridurrà la formazione di brufoli e infiammazioni.
La dieta ideale per chi ha l'acne
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 22 dicembre, 2022

L’acne è una patologia dermatologica che si manifesta con la formazione e l’infiammazione di brufoli nelle zone superficiali della pelle, soprattutto durante l’adolescenza. È attribuito a un disturbo ormonale e ha una natura transitoria. Tuttavia, la sua gravità può essere ridotta attraverso la dieta ideale per l’acne.

Va tenuto presente che alcuni alimenti hanno dimostrato di essere in grado di limitare la formazione di sebo a livello cutaneo, che previene la formazione di brufoli sulla pelle. Tuttavia, a volte questo non basta ed è necessario ricorrere all’uso di antibiotici a causa della presenza di infezioni.

Dieta antinfiammatoria per curare l’acne

Come abbiamo discusso, è possibile pianificare una dieta a carattere antinfiammatorio per ridurre la gravità dell’acne in termini di infiammazione e infezione. Le chiavi sono le seguenti.

Assumere grassi di qualità

La dieta dell'acne include grassi sani
L’olio d’oliva è un’importante fonte di acidi grassi omega 3. I suoi benefici non solo coprono l’acne, ma aiutano anche il sistema cardiovascolare.

I lipidi sono macronutrienti essenziali nella dieta. Tuttavia, non tutti hanno la stessa qualità. Quelli di tipo cis sono positivi per la salute, evidenziando tra questi quelli insaturi della serie omega 3.

Questi sono in grado di aiutare a modulare l’infiammazione, migliorando anche la salute. Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista International Immunology.

Tuttavia, quando gli acidi grassi cis sono sottoposti a temperature elevate, si verifica una trasformazione nella configurazione spaziale delle loro molecole. Si trasformano in un tipo trans. Questi sono dannosi per l’organismo, poiché riescono a promuovere meccanismi infiammatori, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Progress in Lipids Research.

Per garantire il consumo di grassi di qualità, va promossa la presenza di alimenti freschi nella dieta, riducendo l’assunzione di prodotti industriali ultralavorati. Occorre inoltre assicurarsi che i metodi di cottura non siano troppo aggressivi dal punto di vista termico. È sempre consigliabile scegliere la piastra, il forno, il vapore o la bollitura.

In questo modo verrà incrementato l’apporto di grassi saturi e insaturi di tipo cis, in modo da controllare i processi infiammatori. Ciò contribuirà ad evitare una sovraespressione dell’acne che può complicare lo sviluppo della patologia.

Va tenuto presente che ci sono alcune prove che gli acidi grassi della serie omega 6 potrebbero aggravare il problema dell’acne. Per questo motivo si consiglia di mantenere un rapporto omega 3: omega 6 il più equilibrato possibile, per evitare la sovraespressione della patologia.

Si consiglia di garantire il consumo di pesce azzurro e olio extra vergine di oliva, riducendo l’assunzione di altri oli vegetali, margarine o alcune noci.

Fornire vitamina C

I brufoli causati dall’acne possono lasciare segni temporaneamente o permanentemente. Normalmente generano una serie di ferite, soprattutto se manipolate. Per questo motivo è consigliabile garantire la presenza nella dieta di alimenti che stimolino la sintesi del collagene.

Questa proteina è la più abbondante nel corpo umano, poiché fa parte di quasi tutti i tessuti. La sua produzione è endogena, ma può essere aumentata dalla presenza di alcuni nutrienti in grandi quantità, come la vitamina C. Lo dimostra una ricerca pubblicata sull’International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism.

Per migliorare l’assunzione di vitamina C, è necessario introdurre alimenti come agrumi, tuberi, fragole, kiwi, spinaci… tutti contribuiscono a soddisfare il fabbisogno giornaliero della sostanza, che garantisce anche una migliore salute nell’ambiente medio termine.

Un altro micronutriente che ha mostrato anche proprietà positive in termini di rigenerazione delle ferite è la vitamina A. Questa si trova sotto forma di beta-carotene in molti cibi rossi, come carote, pomodori, peperoni…

Anche i prodotti animali come i latticini o il fegato hanno una concentrazione significativa dell’elemento.

Consumo moderato di integratori proteici

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Health Promotion Perspectives, potrebbe esserci un’associazione tra il consumo di integratori di proteine del siero di latte e lo sviluppo di un’acne più aggressiva.

Mancano prove per confermare questi sospetti, ma in quegli adolescenti con tendenza a problemi dermatologici, potrebbe essere utile moderare l’assunzione di questi prodotti.

D’altra parte, va notato che non esiste alcuna ricerca per garantire che il consumo di proteine in generale sia collegato a un aumento del rischio di sviluppare l’acne. La maggior parte degli studi parla di questo fenomeno quando si integra con proteine del siero di latte, anche se il campione è sempre costituito da adolescenti che fanno bodybuilding.

In questo caso c’è un livello significativo di bias. Da un lato, stiamo parlando di adolescenti con una produzione di testosterone più elevata a causa dell’esercizio di resistenza. D’altra parte, è possibile che alcuni di loro utilizzino sostanze anabolizzanti. Tra gli effetti collaterali di questi c’è solitamente l’acne.

Includere spezie culinarie

Non si può parlare di una dieta antinfiammatoria per prevenire o curare l’acne senza fare riferimento al consumo di spezie culinarie. Questi prodotti non servono solo a migliorare le caratteristiche organolettiche dei preparati, ma sono in grado di fornire una grande quantità di fitonutrienti con potenzialità benefiche per la salute.

Tra tutti spicca la curcuma. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Drug Design, la curcumina presente al suo interno è in grado di modulare i processi infiammatori. Riesce inoltre a neutralizzare la formazione di radicali liberi e il loro successivo accumulo nei tessuti, a cui si associa un migliore stato di salute.

Tuttavia, ci sono molte altre spezie culinarie che possono e devono essere introdotte regolarmente nella dieta. Pepe, curry e zenzero sono buoni esempi. Ciascuno di essi ha caratteristiche specifiche e un potenziale d’azione su alcuni parametri fisiologici dell’organismo.

Assunzione moderata di latticini

La dieta dell'acne include l'evitare i latticini
Nonostante gli ovvi benefici per la salute dei latticini, è consigliabile controllarne il consumo nei pazienti con acne moderata o grave.

I latticini sono alimenti di alta qualità e densi dal punto di vista nutrizionale. Concentrano nutrienti come proteine e calcio. Tuttavia, un loro consumo eccessivo durante l’adolescenza potrebbe aumentare la gravità dell’acne, come affermato da una ricerca pubblicata sull’International Journal of Dermatology.

Ciò è dovuto al fatto che questi alimenti favoriscono l’espressione di un fattore fisiologico associato ad un aumento della sintesi del sebo a livello cutaneo. In ogni caso, ciò non significa che la sua presenza nella dieta debba essere limitata. Semplicemente che non è molto consigliabile consumare più di 2 porzioni al giorno.

Consumare probiotici

Da segnalare infine la possibilità di inserire nella dieta un integratore probiotico per ridurre la gravità dell’acne. Le ricerche più recenti sono riuscite a dimostrare che influenzare il microbiota dell’epidermide può migliorarne la salute, riducendo le patologie che su di essa si generano.

Non solo è necessario modificare o migliorare il profilo del microbiota esterno, ma anche quello presente nell’intestino. Da esso dipende la secrezione di una serie di composti antinfiammatori, come il butirrato, decisivi quando si tratta di mantenere una buona salute e prevenire la promozione di processi infiammatori.

Inoltre, includendo i probiotici nella dieta, è possibile ridurre l’incidenza di infezioni batteriche o causate da microrganismi. Questi tendono a complicare l’acne, rendendola più grave e richiedendo un trattamento con antibiotici.

Quando queste infezioni diventano ricorrenti, è comune avvertire una sensazione di gonfiore, bruciore e dolore nelle zone colpite, compromettendo la qualità della vita e il benessere della persona che ne soffre.

Esempi di dieta per curare l’acne

Andiamo ora ad esemplificare quanto sopra, ponendo all’esterno una serie di validi menù per la cura dell’acne e la riduzione dei brufoli.

Colazioni dietetiche per l’acne

  • Porridge di farina d’avena.
  • Tè verde con crostini con olio vergine di oliva e tonno.
  • Frittelle di avena con bacche rosse.

Pranzi

  • Salmone alla griglia con patate e peperoni cotti.
  • Trampoli di pollo al forno con patate dolci e cavolfiore.
  • Fritto misto di tacchino e verdure al curry.
  • Insalata di legumi con tonno.

Cene

  • Tacchino alla griglia con insalata completa.
  • Nasello con patate e carote cotte.
  • Fagioli con uovo sodo e pomodoro schiacciato.
  • Fagioli rossi saltati in padella con spinaci e pollo.

Tenete presente che con questi piatti non solo sarete in grado di ridurre la presenza di acne, ma sperimenterete anche un cambiamento positivo nella composizione corporea e un miglioramento della vostra salute. Dopotutto, consumare cibo fresco ha molti vantaggi a medio termine.

Trovate una dieta per sbarazzarvi dell’acne

Solo attraverso la dieta sarà molto difficile sradicare l’acne, ma è possibile ridurne la gravità, così come l’infiammazione dei brufoli. Se mettete in pratica tutti i consigli che vi abbiamo dato, potreste riscontrare un notevole miglioramento.

Ora, nel caso in cui la situazione non si sviluppi favorevolmente, potrebbe essere necessario recarsi dal medico. A volte c’è un’infiammazione batterica persistente che deve essere trattata con antibiotici affinché si risolva correttamente. Altrimenti ci vorrà più tempo perché l’acne si risolva.

Infine, tenete presente che è necessario limitare l’assunzione di integratori di proteine del siero di latte. Se avete bisogno di un apporto extra di questi nutrienti per promuovere lo sviluppo muscolare o il recupero, è meglio consultare un nutrizionista per valutare altre opzioni.

Potrebbe interessarti ...
Acne: tutto quello che c’è da sapere
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Acne: tutto quello che c’è da sapere

L'acne è uno dei problemi della pelle più comuni. Chiunque può soffrirne, indipendentemente dal sesso, dall'età e dallo stile di vita.



  • Ishihara T, Yoshida M, Arita M. Omega-3 fatty acid-derived mediators that control inflammation and tissue homeostasis. Int Immunol. 2019 Aug 23;31(9):559-567. doi: 10.1093/intimm/dxz001. PMID: 30772915.
  • Valenzuela CA, Baker EJ, Miles EA, Calder PC. Eighteen‑carbon trans fatty acids and inflammation in the context of atherosclerosis. Prog Lipid Res. 2019 Oct;76:101009. doi: 10.1016/j.plipres.2019.101009. Epub 2019 Nov 2. PMID: 31669459.
  • Lis DM, Baar K. Effects of Different Vitamin C-Enriched Collagen Derivatives on Collagen Synthesis. Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2019 Sep 1;29(5):526-531. doi: 10.1123/ijsnem.2018-0385. PMID: 30859848.
  • Cengiz FP, Cevirgen Cemil B, Emiroglu N, Gulsel Bahali A, Onsun N. Acne located on the trunk, whey protein supplementation: Is there any association? Health Promot Perspect. 2017 Mar 5;7(2):106-108. doi: 10.15171/hpp.2017.19. PMID: 28326292; PMCID: PMC5350548.
  • Chin KY. The spice for joint inflammation: anti-inflammatory role of curcumin in treating osteoarthritis. Drug Des Devel Ther. 2016 Sep 20;10:3029-3042. doi: 10.2147/DDDT.S117432. PMID: 27703331; PMCID: PMC5036591.
  • Ozdarska K, Osucha K, Savitskyi S, Malejczyk J, Galus R. Rola diety w patogenezie trądzika pospolitego [Diet in pathogenesis of acne vulgaris]. Pol Merkur Lekarski. 2017 Oct 23;43(256):186-189. Polish. PMID: 29084194.
  • Dall’Oglio F, Nasca MR, Fiorentini F, Micali G. Diet and acne: review of the evidence from 2009 to 2020. Int J Dermatol. 2021 Jun;60(6):672-685. doi: 10.1111/ijd.15390. Epub 2021 Jan 18. PMID: 33462816.
  • Goodarzi A, Mozafarpoor S, Bodaghabadi M, Mohamadi M. The potential of probiotics for treating acne vulgaris: A review of literature on acne and microbiota. Dermatol Ther. 2020 May;33(3):e13279. doi: 10.1111/dth.13279. Epub 2020 Apr 7. PMID: 32266790.

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.