Controllo degli sfinteri nei bambini: come funziona?

L'allenamento all'uso del vasino è un processo che può richiedere anche diversi mesi. Il sostegno e la pazienza dei genitori giocano un ruolo fondamentale in questa fase. È importante che il piccolo avverta un'atmosfera di armonia e che si senta parte del processo.
Controllo degli sfinteri nei bambini: come funziona?

Scritto da Luis Rodolfo Rojas Gonzalez, 30 maggio, 2021

Ultimo aggiornamento: 30 maggio, 2021

Il corpo umano dispone di una serie di muscoli chiamati sfinteri, che impediscono la fuoriuscita delle feci e dell’urina all’esterno. Questi muscoli hanno il controllo volontario se il sistema nervoso funziona correttamente. Tuttavia, il controllo degli sfinteri nei bambini è un’abilità che deve essere sviluppata. In che modo?

La maggior parte degli organi dei bambini non ha uno sviluppo completo al momento della nascita, ma progredisce nel corso dei mesi. Una delle strutture che va incontro ai maggiori cambiamenti è il sistema nervoso centrale; il suo sviluppo permette l’acquisizione di funzioni come saper indentificare i suoni e riconoscere i volti.

Il controllo degli sfinteri nei bambini è una tappa fondamentale della crescita e sviluppo. La regressione o l’involuzione di questo aspetto può causare tensioni in famiglia e nell’ambiente del bambino, soprattutto a causa della connotazione sociale che gli viene affidata.

Minzione e defecazione nei primi mesi

Nei primi mesi di vita il bambino non ha il controllo degli sfinteri.
Nei primi mesi di vita il bambino non ha il controllo degli sfinteri.

A partire da una certa età, l’essere umano, salvo alcune eccezioni, possiede il controllo volontario sugli sfinteri rettali e vescicali. È possibile rilassare gli sfinteri in modo volontario, consentendo alle feci e all’urina di fuoriuscire all’esterno; questa funzione è controllata da un processo corticale.

La dinamica urinaria è molto diversa nei primi mesi di vita a causa dell’immaturità del sistema nervoso. In questa fase, la minzione è involontaria, lo svuotamento della vescica è incompleto ed è mediato da un arco riflesso parasimpatico. L’intero processo è sotto il controllo del midollo spinale per almeno il primo anno di vita.

La maturazione dei centri nervosi cerebrali avviene tra 18 mesi e 3 anni. In questo modo, la maggior parte dei bambini acquista un adeguato controllo degli sfinteri tra i 2 e i 4 anni di età.

Inizio del controllo degli sfinteri nei bambini

In generale, la continenza o il controllo totale della minzione e della defecazione si ottiene quando il bambino è in grado di controllare la contrazione dello sfintere esterno dell’uretra. L’età in cui un bambino raggiunge la continenza può variare a seconda di fattori sociali, culturali e familiari, sebbene non dovrebbe superare i 4 anni.

Detto controllo dello sfintere è un processo graduale e di solito inizia con il controllo fecale di notte per poi acquisire il controllo fecale durante il giorno. In questa fase, la maggior parte dei bambini inizia a regolare i movimenti intestinali, rendendo la defecazione un po’ più prevedibile.

Il passo successivo è il controllo della vescica durante il giorno, mentre il controllo della vescica di notte è l’ultimo ad apparire e il più difficile da ottenere. L’enuresi notturna o l’incontinenza urinaria notturna è un problema comune che colpisce milioni di bambini ed è associato a una maturazione incompleta dei nuclei cerebrali.

L’incontinenza notturna di solito scompare da sola con il tempo, sebbene possano essere necessari farmaci come l’amitriptilina. È importante notare che il processo descritto non è una regola rigida; alcuni bambini possono, ad esempio, raggiungere allo stesso tempo la continenza fecale e vescicale.

Quando si può cominciare a proporre l’uso del vasino?

Come abbiamo detto, imparare a usare il vasino è strettamente correlato alla maturazione del sistema nervoso del bambino. L’ideale è iniziare l’allenamento dopo i 18 mesi. È inoltre importante che il bambino sappia camminare, esprimersi verbalmente e sia in grado di seguire precise indicazioni.

D’altra parte, alcuni segni molto caratteristici indicano che il bambino è pronto al controllo degli sfinteri:

  • Il pannolino resta asciutto per almeno 1 ora e mezza.
  • Il bambino è in grado di seguire le istruzioni in due passaggi.
  • Mostra interesse a sedersi sul vasino.
  • Esige un cambio di pannolino dopo aver fatto la popò.
  • È capace di abbassare e alzare i pantaloni da solo.

È sempre importante tenere presente che ogni bambino ha il suo tempo di maturazione, quindi la comparsa di questi segni è molto variabile. L’intero sviluppo cognitivo del bambino dipenderà da fattori sociali, culturali ed ereditari, oltre che dagli stimoli ricevuti in famiglia.

Controllo degli sfinteri: come aiutare il bambino?

Il momento ideale per cominciare l'allenamento all'uso del vasino è dopo i 18 mesi
Il momento ideale per cominciare l’allenamento all’uso del vasino è dopo i 18 mesi

Occorre ricordare sempre che questo processo può richiedere del tempo, quindi bisogna armarsi di pazienza. È importante iniziare l’addestramento in un momento tranquillo nella vita del bambino. Bisogna, cioè evitare di proporre il vasino in una fase in cui già altri cambiamenti potrebbero stressare il piccolo.

Un buon metodo è premiare il bambino con elogi e piccole ricompense ogni volta che riesce ad andare in bagno; in questo modo si rinforza il comportamento con stimoli positivi. I piccoli incidenti di percorso sono molto frequenti e non dovrebbero essere rimproverati o enfatizzati. I rimproveri, infatti, possono causare reazioni negative come la stitichezza.

Non esiste un metodo preciso che garantisca un veloce controllo degli sfinteri. Si tratta, più che altro, di un processo di apprendimento costante e lungo.

  • Per prima cosa è necessario che il bambino si abitui a usare il vasino. Fatelo sedere sul vasino e cercate di trattenerlo per almeno 5 minuti.
  • Dopo aver ripetuto più volte questo passaggio, il bambino dovrebbe stare seduto per 5 o 10 minuti sul vasino, ora senza mutandine, mentre gli spiegate cosa volete da lui. Trascorso questo tempo, rivestitelo. Questo passaggio deve essere ripetuto tutte le volte che sia necessario.
  • Quello che mamma e papà possono fare. è cercare di anticipare il bambino quando deve andare di corpo, sistemandolo sul vasino. Questo è un processo molto lungo. Possono essere necessari dai 3 ai 12 mesi prima che i bambini acquistino un controllo completo.

Un processo lungo: bisogna avere pazienza!

L’allenamento all’uso del vasino è un processo che può richiedere anche diversi mesi. Il sostegno e la pazienza dei genitori giocano un ruolo fondamentale in questa fase. È importante che il piccolo avverta un’atmosfera di armonia e che si senta parte del processo.

Sebbene i bambini raggiungano questo risultato in tempi diversi, è importante non superare i limiti stabiliti. In questo senso, è bene chiedere consiglio al pediatra se superati i 4 anni, il bambino non ha ancora assunto il controllo degli sfinteri o in caso di incontinenza notturna dopo i 5 anni.

Potrebbe interessarti ...
Encopresi: sintomi, cause, tipi e trattamento
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Encopresi: sintomi, cause, tipi e trattamento

Per encopresi si intende l'evacuazione involontaria o intenzionale nei bambini sopra i quattro anni, per un periodo minimo di tre mesi.



  • Garza-Elizondo R. Control de esfínteres. Acta Pediatr Mex. 2020;41(1):40-2.
  • Sociedad de Pediatría de Asturias, Cantabria y Castilla y León. Control de esfínteres en los niños. 2005. Documento disponible en: https://www.sccalp.org/documents/0000/0380/esfinteres.pdf.
  • Bezos Saldaña L, Escribano Ceruelo E. ¿Qué esconden los problemas del control de esfínteres?: A propósito de un caso. Rev Pediatr Aten Primaria. 2012; 14( 56 ): 317-321.
  • Buckley BS, Sanders CD, Spineli L, Deng Q, Kwong JS. Conservative interventions for treating functional daytime urinary incontinence in children. Cochrane Database Syst Rev. 2019 Sep 18;9(9):CD012367.
  • Ortega de la Fuente C. Control de esfínteres. Infancia: educar de 0 a 6 años. 2004; (86): 39-41.
  • Ramírez Merchán MZ, Rivera Reyes GC. Tesis. 2015. Recuperado a partir de: http://repositorio.ug.edu.ec/handle/redug/14363.