9 miti sull'amore, secondo la scienza

Avere un figlio rafforza la coppia? La gelosia è segno di vero amore? Gli opposti si attraggono? Ecco cosa dice la scienza su queste e altre affermazioni.
9 miti sull'amore, secondo la scienza

Scritto da Daniela Andarcia, 02 aprile, 2021

Ultimo aggiornamento: 02 aprile, 2021

La maggior parte di noi ha idee preconcette sull’amore: miti, serie tv e fiabe. Hanno molto a che fare con il modo in cui è costruita la nostra società, ma cosa dice la scienza al riguardo?

La prima cosa da fare è distinguere tra l’amore di coppia e qualsiasi altro tipo di affetto; in questo modo possiamo definire con maggiore precisione i nostri sentimenti e i comportamenti ad essi associati.

Se vi interessa scoprire i miti sull’amore secondo la scienza, allora continuate a leggere.

9 miti sull’amore sfatati dalla scienza

Ogni coppia è un universo, quindi, le sfumature sentimentali presenti nelle relazioni sono tante. Alcuni dati, sono  però costanti: conoscerli ci permette di fare meno errori.

1. Fare un bambino rafforza l’unione

I miti sull'amore includono la formazione di una famiglia.
Offrire a un figlio un ambiente stabile richiede maturità emotiva e di coppia.

Contrariamente a quanto si pensa spesso, l’arrivo di un figlio può essere l’inizio di una crisi che finisce per incidere sulla relazione, fino a romperla. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology, la felicità nelle relazioni tende, di solito, a diminuire con l’arrivo dei bambini.

Ciò non significa che i due non ameranno il bambino, né che sia una costante in tutte le relazioni; ma in un numero significativo di coppie,  le sfide crescenti finiscono per complicare alcuni aspetti della vita, ad esempio quello economico.

In altre parole, se un bambino viene concepito con la speranza che possa migliorare la relazione, è probabile che si aggiunga solo un’altra complicazione.

Per questo motivo è necessaria una pianificazione che tenga conto dei tanti cambiamenti che comporterà l’arrivo di uno o più figli.

2. Amore vuole dire gelosia, uno dei miti sull’amore più diffusi

Sebbene da un punto di vista culturale la gelosia sia considerata come manifestazione di amore, la scienza la considera più una dimostrazione di insicurezza e di paura di essere abbandonati. Non importa quanto affetto dimostrate al vostro partner, se è geloso, continuerà ad avere dei dubbi su di voi.

I problemi personali di gelosia e insicurezza andrebbero, quindi, affrontati da soli, con l’aiuto di uno psicologo. Naturalmente, provocare in modo intenzionale la gelosia nel partner, oltre a essere un comportamento infantile, può essere controproducente.

Gli uomini, da un lato, tendono a diventare aggressivi o arrabbiarsi, mentre le donne cercano di migliorare se stesse o vari aspetti della relazione.

3. La terapia è necessario solo se la coppia è in crisi

Gli alti e i bassi nel rapporto di coppia sono più comuni di quanto potreste pensare, ma sapere quando cercare un aiuto professionale è fondamentale. Spesso si sceglie la terapia di coppia quando è “troppo tardi” e alcuni aspetti che erano positivi ne sono stati influenzati.

La terapia preventiva è una buona opzione che aiuta a evitare che ciò accada; questo perché fornisce alla coppia gli strumenti per affrontare i momenti di crisi, evitando di arrivare a una triste conclusione.

4. L’amore ha una data di scadenza

Questo non è del tutto vero. Uno studio pubblicato su Social Cognitive and Affective Neuroscience ha registrato che i sentimenti di alcune coppie dopo uno, due e anche tre decenni di relazione, sono forti quanto quelli delle giovani coppie.

I ricercatori sono giunti a questa conclusione poiché durante l’esperimento, le aree cerebrali di molti dei volontari, in entrambi i gruppi, hanno reagito allo stesso modo al vedere le foto dei loro partner.

Al di là di tutto, tenete presente che “l’amore eterno” è un lavoro paziente fatto di comunicazione, empatia, rispetto, e molti altri ingredienti.

5. Si fa meno sesso: non mi ama più

La perdita del desiderio ha diversi motivi, ma il meno frequente è la carenza di affetto; la diminuzione della libido è piuttosto legata alla presenza di alti livelli di ansia e stress. Questi fattori sono spesso la causa per cui si ha sempre meno tempo ed energie per fare l’amore.

Ma per accorgersene, occorre avere una buon livello di comunicazione: con pazienza, pianificazione ed entusiasmo, il dialogo può aiutare ritrovare il ritmo normale sotto le lenzuola. Tuttavia, occorre tenere presente che la libido subisce un calo in tutte le coppie, con il passare del tempo.

6. Perché la coppia sia felice, uno dei due deve cedere

Una premessa pericolosa e malsana legata al classico amore da romanzo, ma che può essere disastrosa nelle coppie reali. Questo perché la parola cedere è collegata al fatto di sottomettersi, per evitare discussioni, per paura o per far piacere all’altro.

In generale, una sua pratica continua porta a uno stato di infelicità nella relazione, quindi la parola cedere deve essere sostituita da accordo vantaggioso, dove entrambi investono allo stesso modo, sulla base del rispetto e della fiducia.

7. Ci sentiamo attratti dalle persone molto diverse da noi

I miti sull'amore includono l'accettazione delle differenze.
Marcate differenze di personalità possono portare più problemi che benefici.

Questa premessa può essere facilmente tradotta con “gli opposti si attraggono”. Questo detto popolare può materializzarsi quando ci si incontra. È possibile che questa differenza sia quella che ci colpisce e apre la porta per iniziare la prima conservazione con il nostro futuro marito o moglie.

Ma quando le differenze sono molto marcate e si è in disaccordo su alcuni valori fondamentali, allora tutto finisce. Un numero importante di coppie stabili e durature condivide molti aspetti e gusti; questa compatibilità aiuta la relazione ad essere armoniosa nel lungo periodo.

Esistono persino studi sugli animali che dimostrano che le coppie che la pensano allo stesso modo tendono a essere genitori migliori delle altre.

8. Basta l’amore

Solo l’amore non basta per essere felici. Anche se è vero che questo è importante per iniziare una relazione, per mantenerla è necessario qualcosa di più. Stabilità finanziaria, rispetto, empatia e comunicazione, ad esempio, sono valori importanti che possono determinare la durata dell’impegno.

Pertanto, i progetti condivisi sono un punto in più nel rafforzamento delle coppie. Quando iniziate a corteggiare una persona, tenete presente se questi aspetti sono presenti.

9. La relazione non finisce se c’è l’amore

Quando esistono differenze inconciliabili, è meglio contemplare la rottura della relazione, anche se ci sono ancora emozioni positive nei confronti del partner. Quando avete provato a risolvere i problemi, ma persistono e peggiorano, la cosa più sana è non combattere l’inevitabile, e porre fine alla relazione.

Questa decisione vi consentirà di coltivare buoni sentimenti verso l’altro e di non distorcere i ricordi gratificanti della vita di coppia.

Miti sull’amore: da ricordare…

Se è vero che l’amore è la chiave per iniziare una relazione, non è detto che ci obblighi a mantenerla in piedi a tutti i costi. Altri fattori come avere gusti comuni, il rispetto, la comunicazione e l’empatia sono punti di forza e possono far pendere l’equilibrio a favore o contro un impegno verso una determinata persona.

D’altra parte, avere aspettative realistiche è un buon modo per sapere se è arrivato il momento di assumersi nuove responsabilità, come avere un figlio. Allo stesso modo, sarà utile quando dovrete decidere se salvare o chiudere la relazione.

Potrebbe interessarti ...
Cos’è la dipendenza affettiva e come superarla?
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Cos’è la dipendenza affettiva e come superarla?

La dipendenza affettiva può essere fonte di autentica sofferenza. È tipica delle relazioni di coppia (ma non solo). Come si supera?