Tech neck: che cos’è e come prevenirlo?

Avvertite dolore al collo o alla schiena dopo aver utilizzato a lungo un dispositivo elettronico? Questa condizione è nota come tech neck: ecco come prevenirla.

I dispositivi elettronici sono ormai un elemento irrinunciabile della nostra vita quotidiana. Strumenti come telefoni cellulari e computer sono progettati per rendere la vita più facile. Tuttavia, un uso improprio può portare allo sviluppo del cosiddetto tech neck. In che cosa consiste esattamente e come evitarlo?

Le nuove generazioni sono sempre più abituate all’uso di dispositivi elettronici e social network. In questo modo, passano molto tempo a fissare lo schermo di un cellulare. In effetti, uno studio condotto su un gruppo di giovani volontari ha registrato un tempo di utilizzo medio dello smartphone di 143 minuti al giorno.

Leggere o scrivere attraverso telefoni cellulari e computer può causare problemi posturali a tutte le età, con un aumento di fenomeni di disagio a livello del collo e degli arti superiori.

Che cos’è il tech neck?

Il text neck è legato all'uso improprio di dispositivi elettronici.
Il mal di testa è uno dei sintomi del tech neck.

È un termine coniato negli ultimi anni e viene utilizzato per descrivere una serie di disturbi muscolari e ossei causati dall’uso eccessivo di dispositivi elettronici. Il disagio è legato all’abitudine di piegare la testa per leggere nel display.

Quando la testa è inclinata verso il basso, i muscoli del collo devono fare uno sforzo di contrazione per sostenerla. Dopo un certo tempo, i muscoli cervicali si affaticano e compaiono i sintomi caratteristici della sindrome.

Se i muscoli cervicali sono troppo stanchi, il lavoro di sostegno ricade sulle vertebre cervicali. A differenza dei muscoli, la colonna vertebrale non è progettata per resistere a grandi pressioni per lungo tempo, quindi il problema si aggrava.

Oggi il tech neck è considerato un fenomeno epidemico mondiale. Questa particolare sindrome non fa distinzione tra sesso o età, tuttavia gli studi dimostrano che la flessione nelle donne è solitamente maggiore.

Quali sono i sintomi?

Il sintomo principale è il dolore, che compare quando i muscoli del collo non sono in grado di sostenere la testa. Il dolore è costrittivo, cioè viene avvertito come una pressione  che tende a limitare i movimenti del collo.

I muscoli maggiormente coinvolti in questa posizione sono lo sternocleidomastoideo e il trapezio; quest’ultimo muscolo ha fibre situate nella parte posteriore e vicino alla spalla. In questo senso, il dolore può essere percepito anche nelle aree limitrofe.

Altri sintomi molto comuni del tech neck sono:

  • Mal di testa.
  • Crampi muscolari al collo.
  • Dolore tra le scapole.
  • Torcicollo.
  • Difficoltà ad abbassare la testa.

Possibili complicazioni

Stare molte ore con la testa china, sottopone il rachide cervicale a una grande pressione. Questa postura, a lungo andare, causa complicazioni come l’usura accelerata del disco, che può portare a ernie e rotture.

In presenza di un’ernia si potrà percepire un dolore più intenso e vari sintomi sensoriali agli arti superiori. Tuttavia, queste complicazioni sono rare e richiedono anni per apparire.

Come prevenire il tech neck?

È importante notare che non esiste una strategia efficace al 100% che aiuti a prevenire la comparsa del dolore indotto. Tuttavia, alcuni accorgimenti possono aiutare.

Fare delle pause regolari

In molti casi è impossibile ridurre l’uso di dispositivi elettronici, ad esempio quando sono strumenti di lavoro. Tuttavia, fare pause regolari aiuta notevolmente a ridurre il dolore al collo. Gli specialisti consigliano, quindi, di rilassare il collo per qualche istante ogni 30 minuti – 1 ora.

Per ricordarci di riposare possiamo impostare una sveglia sul dispositivo. Ancora meglio se durante la pausa ci ricordiamo di eseguire qualche esercizio di stretching e rilassamento che aiuti a rilassare i muscoli cervicali e ridurre il dolore.

Mantenere una postura corretta

Quando utilizziamo il computer, dobbiamo fare attenzione a sederci bene e a mantenere una postura corretta, se vogliamo prevenire il tech nech. Per molto tempo si è detto che stare seduti in posizione eretta è la cosa migliore, tuttavia ora sappiamo che è meglio sedersi con un’inclinazione di 30 gradi.

Un’inclinazione di 30 gradi riduce infatti la pressione sulle vertebre lombari e sui muscoli cervicali. Si consiglia inoltre di utilizzare una sedia con adeguato supporto lombare e cervicale, cosa che ha la stessa funzione dell’inclinazione.

Infine, occorre regolare l’altezza dello schermo di computer e telefoni cellulari per evitare di inclinare la testa durante l’utilizzo. Un’altra buona opzione è alzare le braccia invece di inclinare la testa quando scriviamo su uno smartphone o un tablet.

Fare esercizi aerobici

Il text neck può essere prevenuto con un regolare esercizio fisico.
L’esercizio aerobico non solo riduce il rischio di sviluppare disturbi della colonna vertebrale, offre anche benefici al sistema cardiovascolare.

L’attività fisica non solo aiuta a mantenere una buona salute in generale, ma previene anche la comparsa di numerose malattie. Nel caso della sindrome in questione, gli esercizi aiutano a migliorare l’ossigenazione di tutti gli organi e a rafforzare i muscoli, compresi quelli cervicali.

Gli specialisti raccomandano di fare esercizi aerobici per almeno 20 o 30 minuti al giorni, 3-4 giorni a settimana. Tra le attività fisiche più consigliate ci sono la camminata, il jogging e il nuoto, tuttavia va bene qualsiasi tipo di esercizio purché si eviti uno stile di vita sedentario.

Tech-neck: un problema diffuso che si può prevenire

Sebbene la tecnologia sia pensata per renderci più facile la vita, ha portato con sé una serie di disturbi. Il tech neck è uno di questi, una sindrome che appare quando teniamo il collo piegato per lungo tempo, e caratterizzata da dolore al collo e rigidità.

Si tratta certamente di un problema prevenibile seguendo i consigli che vi abbiamo dato e che raramente richiede cure specialistiche. Tuttavia, nei casi in cui il dolore è più intenso può essere utile parlarne con il fisioterapista.

  • Short N, Mays M, Cool A, Delay A, Lannom A et al. Defining Mobile Tech Posture: Prevalence and Position Among Millennials. The Open Journal of Occupational Therapy. 2020; 8(1): 1-10.
  • Haneen M. Effects of texting on neck muscle activity and neck flexion in college students. University of Mississippi Honors Theses. 2018. 669.
  • Binder AI. Neck pain. BMJ Clin Evid. 2008 Aug 4;2008:1103.
  • Cohen SP. Epidemiology, diagnosis, and treatment of neck pain. Mayo Clin Proc. 2015 Feb;90(2):284-99.
  • Short N, Cool A, Delay A, ODonnell L, Lannom A, Stuber R. Mobile tech posture and the upper extremity: prevalence and biomechanics. Journal of Hand Therapy. 2019; 32(4): 553-554.
  • Meggett, Kinsey. A Dangerous Curve: The Effects Of Technology On The Cervical Vertebrae. South Carolina Junior Academy of Science. 2016. 154.