Diagnosi dell'artrite: in che cosa consiste?

L'artrite non è l'unica malattia che produce sintomi articolari. In teoria, sono decine le condizioni che possono dare i segni caratteristici. Ecco il protocollo utilizzato per la diagnosi.
Diagnosi dell'artrite: in che cosa consiste?

Scritto da Josberth Johan Benitez Colmenares, 08 settembre, 2021

Ultimo aggiornamento: 08 settembre, 2021

La diagnosi dell’artrite è più complessa di quanto la maggior parte delle persone pensi. Innanzitutto, l’artrite non è una malattia in sé, ma comprende una varietà di manifestazioni con sintomi molto simili tra loro. Rilevare la condizione nelle sue fasi iniziali è molto importante per migliorare la prognosi.

In generale, gli specialisti dividono l’artrite in quattro tipi: degenerativa (la più comune), infiammatoria, metabolica e infettiva. Con questa suddivisione, seguono il processo diagnostico per identificare con maggiore precisione la forma sviluppata dal paziente. Vediamo come si diagnostica l’artrite e alcune spiegazioni differenziali dei segni.

Diagnosi dell’artrite: come si raggiunge?

Il primo passo nella diagnosi dell’artrite deve essere compiuto dal paziente stesso. Comincerà ad avvertire dolore alle articolazioni accompagnato da lievi attacchi di infiammazione. Sebbene inizialmente entrambi i segni siano molto sottili, nel tempo diventano più persistenti e aumentano di intensità.

Quando compaiono questi segni, non si deve rimandare a lungo la visita dallo specialista. Si cercherà, inoltre, di attribuire al dolore possibili spiegazioni, come traumi o superlavoro.

Alla prima visita, il medico, farà una revisione generale dei dati; prenderà in considerazione età, abitudini, malattie di base, storia medica, storia familiare ed esaminerà attentamente le articolazioni, come ci ricorda la Arthritis foundation.

Per confermare il sospetto, prescriverà analisi di laboratorio e per immagini. Solo con questi sarà in grado di rilevare la possibile variante della malattia ed escludere altre spiegazioni.

Diagnosi dell’artrite attraverso analisi di laboratorio

Esami del sangue nella diagnosi dell'artrite
Gli esami del sangue consentono una migliore comprensione dell’origine dell’artrite e permettono di eseguire varie diagnosi differenziali.

Una serie di analisi di laboratorio permettono una più sicura diagnosi dell’artrite. Johns Hopkins Medicine elenca queste tra le più comuni:

Anticorpi anti-nucleo

Conosciuto anche come ANA, è un test progettato per misurare i livelli di anticorpi anti-nucleo. Questo specifico tipo di proteine è associato alle malattie autoimmuni, poiché di solito attaccano i tessuti stessi senza una ragione apparente. È molto utile nella diagnosi dell’artrite reumatoide, sclerodermia e lupus.

Artrocentesi

L’artrocentesi, anche chiamata aspirazione articolare, comporta il prelievo di un campione di liquido sinoviale. L’analisi di questo liquido consente di rilevare, tra le altre cose, agenti patogeni e processi infiammatori. L’aspirazione viene eseguita tramite un ago, sebbene sia un esame minimamente invasivo. La ricerca conferma l’utilità nella diagnosi delle malattie articolari.

Spesso lo specialista esegue un’ecografia per guidare la puntura nel modo più preciso possibile. Il recupero è immediato, anche se l’area potrebbe gonfiarsi un po’ nelle successive 48 ore. Gli impacchi di ghiaccio possono aiutarlo a ridurlo.

Emocromo completo

È in grado di rilevare i livelli esatti di globuli rossi, bianchi e piastrinici nel sangue. Un basso numero di questi è associato ad alcuni tipi di artrite, quindi è un test essenziale nella diagnosi della malattia. I risultati dovrebbero essere interpretati nel contesto, poiché alcune condizioni precedenti e farmaci possono influenzarli.

Proteina C-reattiva

La proteina C-reativa è un tipo di proteina che viene secreta dal fegato in presenza di qualsiasi processo infiammatorio. È correlata, tra le molte malattie, ad alcuni tipi di artrite. Un alto conteggio è un indicatore che c’è un processo di infiammazione nel tuo corpo.

Velocità di sedimentazione degli eritrociti

La VES valuta la velocità con cui i globuli rossi cadono sul fondo di una provetta. È un test non specifico, sebbene questa azione consenta di determinare la presenza di un processo infiammatorio sottostante. Nonostante ciò, non permette di sapere dove si trova l’artrite o cosa lo causi.

Altri test di laboratorio complementari sono il fattore reumatoide, l’acido urico, la creatinina, l’ematocrito, la tipizzazione HLA e l’esame delle urine. L’interpretazione dei risultati insieme darà indizi per escludere o confermare la malattia.

Diagnosi dell’artrite mediante diagnostica per immagini

Per avere una più accurata diagnosi dell’artrite, lo specialista può avvalersi di esami diagnostici per immagini. Questi consentono di apprezzare anomalie nelle articolazioni o nelle ossa. Tra i più utilizzati segnaliamo:

Radiografia

Nonostante i suoi limiti, la radiografia è ancora un ottimo metodo per diagnosticare l’artrite. Permette di distinguere le variazioni a carico delle articolazioni e il danno osseo. In generale, è più utile negli stadi avanzati della malattia. Prima di ciò, potrebbero verificarsi sintomi acuti che non corrispondono alle immagini a raggi X.

Ecografia

L’ecografia viene utilizzata per valutare le condizioni di tendini, legamenti, tessuto sinoviale e ossa. Di solito è un test complementare alla radiografia, a volte utilizzato per escludere altre spiegazioni per i sintomi.

Risonanza magnetica

La risonanza magnetica permette di ottenere immagini più complete rispetto ai raggi X, con dettagli precisi della condizione dei legamenti, dei muscoli, delle articolazioni e della cartilagine. Non fa parte della diagnosi standard, sebbene sia un esame molto importante per rilevare alcuni tipi di artrite.

Artroscopia

L’artroscopia è una procedura riservata alle varianti degenerative, in particolare per possibili gravi condizioni articolari (come i tumori). Consiste nell’inserire un artroscopio attraverso l’incisione nell’articolazione per osservare più da vicino l’area interessata.

Diagnosi dell’artrite differenziale

Donna con dolore alle articolazioni della mano
Sebbene spesso le manifestazioni cliniche coincidano con un quadro di artrite, non sempre si tratta di questa malattia.

L’artrite non è l’unica malattia che produce sintomi articolari. In teoria, sono decine le condizioni che possono dare i segni caratteristici. Secondo la ricerca possono essere spiegati anche da:

  • Sovraccarico di ferro (emocromatosi).
  • Sovraccarico di calcio (ipercalcemia).
  • Sforzo muscolare.
  • Tendinite
  • La malattia di Lyme.
  • Sarcoidosi.
  • Sindrome di Sjogren.
  • Borsite.
  • Entesite
  • Sinovite transitoria.

La Società Spagnola di Reumatologia Pediatrica ci ricorda che l’artrite può essere la conseguenza di una malattia sottostante. Ad esempio, le malattie infiammatorie intestinali (IBD), che includono il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, può produrre questa manifestazione. Anche un piccolo trauma può essere la spiegazione.

In ogni caso, ciascuna di queste condizioni sarà esclusa durante la diagnosi. Se viene rilevata una qualsiasi varietà di artrite, lo specialista avvierà il trattamento che meglio si adatta al contesto. Sebbene non esista una cura definitiva, l’artrite può essere trattata per prevenire il peggioramento dei sintomi.

Potrebbe interessarti ...
Trattamento dell’artrite
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Trattamento dell’artrite

Sono numerose le opzioni di trattamento dell'artrite, termine generico usato per indicare più di 100 tipi di malattie reumatiche.



  • Loza, S. M., Rosa, M., & Gascón, C. U. Artritis. Diagnóstico diferencial. 2020.
  • Punzi, L., & Oliviero, F. (2009). Arthrocentesis and synovial fluid analysis in clinical practice: value of sonography in difficult cases. Annals of the New York Academy of Sciences. 2009; 1154(1): 152-158.
  • Watt, I. (1997). Basic differential diagnosis of arthritis. European radiology. 1997; 7(3): 344-351.