Che cos'è la tiroidite?

La tiroidite può essere causata da una gran numero di fattori che vanno dalle malattie autoimmuni alle infezioni virali. Perché la tiroide può infiammarsi?
Che cos'è la tiroidite?

Scritto da Maite Córdova Vena, 26 giugno, 2021

Ultimo aggiornamento: 26 giugno, 2021

La parola tiroidite ha origine greca. Deriva da thyreoeidḗs che significa ‘tiroide’ e dal suffisso -itis che significa ‘infiammazione’. Attualmente, usiamo questo termine per indicare l’infiammazione della ghiandola tiroidea. In altre parole, si tratta di un termine generico.

La tiroide è una ghiandola endocrina, tipica dell’uomo e di altri animali vertebrati. Ha forma a farfalla ed è situata davanti e ai lati della trachea, nella parte inferiore della laringe.

Viene spesso definita “organo regolatore del corpo”, poiché le sue funzioni influenzano numerosi aspetti della nostra salute. Questi vanno dal dispendio energetico, al sonno, all’appetito fino alla salute psico-emotiva.

Tra le patologie a cui va incontro questa ghiandola e che si presentano con una significativa alterazione ormonale c’è la tiroidite. Perché la tiroide può infiammarsi?

Tipi di tiroidite e cause

La tiroidite ha un'origine multicausale
Alcuni tipi di infiammazione della tiroide possono essere scatenati da reazioni autoimmuni. In questi casi, il corpo considera il tessuto tiroideo come estraneo e cerca di eliminarlo.

Come affermato nel Dizionario del National Cancer Institute (NCI), la tiroidite può essere una malattia autoimmune che colpisce la ghiandola tiroidea, inducendola a produrre scarso ormone tiroideo (ipotiroidismo).

Una forma temporanea di infiammazione della tiroide si può verificare dopo il parto o in caso di infezione virale o batterica che si estende a questa ghiandola.

Vediamo i diversi tipi di tiroidite esistenti e le rispettive cause.

Tiroidite di Hashimoto

È una delle forme più comuni. Ha origine autoimmune, il che significa che è dovuto all’attacco di anticorpi contro la ghiandola tiroidea. È una causa di ipotiroidismo.

Tiroidite post-partum

Come suggerisce il nome, si verifica dopo il parto. È anche di origine autoimmune e può produrre sintomi misti (di ipertiroidismo e ipotiroidismo).

Tiroidite subacuta (di De Quervain)

La causa della tiroidite di Quervain è sconosciuta; secondo alcune fonti è spesso preceduta da un quadro infettivo delle prime vie respiratorie; quindi l’ipotesi è un’origine infettiva. Può produrre sintomi misti.

Tiroidite silente

Un altro tipo di tiroidite con origine autoimmune è la silente. Come la variante postpartum e subacuta o di De Quervain, può dare sintomi misti.

Tiroidite indotta da farmaci

Alcuni farmaci possono provocare infiammazioni della tiroide se prescritti per lunghi periodi. È il caso dell’amiodarone, utilizzato per la profilassi e il trattamento delle aritmie.

Tiroidite da radiazioni

Si verifica in conseguenza dell’applicazione di iodio131. A sua volta, questa sostanza viene spesso utilizzata per curare la malattia di Graves (un altro disturbo della ghiandola tiroidea di origine autoimmune). È una delle forme meno comuni.

Tiroidite infettiva (acuta e cronica)

Come abbiamo accennato, l’infiammazione della tiroide può avere anche un’origine infettiva, virale, batterica o fungina.

  • Infettiva acuta: è causata da Staphylococcus o Streptococcus.
  • Infettiva cronica: è comune nei pazienti con un sistema immunitario indebolito e ha origine fungina.

Sintomi

La tiroidite può portare a ipo o ipertiroidismo
Le manifestazioni cliniche della tiroidite dipendono dal sottotipo. Infatti, i sintomi dell’ipertiroidismo sono spesso l’opposto di quelli dell’ipotiroidismo.

Come spiegano gli esperti dell’American Thyroid Association, “non esistono sintomi esclusivi della tiroidite”. Alcune forme possono essere asintomatiche, altre possono produrre sintomi. All’interno di quest’ultimo gruppo, a seconda del tipo di danno cellulare causato, i sintomi possono essere:

  • In presenza di ipertiroidismo:
    • Affaticamento.
    • Insonnia
    • Ansia.
    • Perdita di peso.
    • Intolleranza al calore
    • Aumento della sudorazione
    • Battito cardiaco accelerato
    • Intensa peristalsi intestinale.
  • In presenza di ipotiroidismo:
    • Affaticamento.
    • Pelle secca.
    • Stipsi.
    • Intolleranza al freddo.
    • Leggero aumento di peso.
    • Diminuzione della sudorazione.

Diagnosi

Per diagnosticare il tipo di tiroidite, il medico, dopo aver svolto un esame fisico e l’anamnesi, prescriverà esami del sangue (per valutare gli ormoni TSH, T3, T4, TSI e anticorpi) e alcuni esami diagnostici per immagini (captazione di iodio radioattivo, ecografia tiroidea).

Trattamento

Il trattamento dipende da ciò che sta provocando l’infiammazione (cioè la condizione clinica predominante del paziente).

Questo può includere alcuni farmaci (antitiroidei, beta-bloccanti, antinfiammatori e altri) o una terapia sostitutiva ormonale (in particolare l’ormone tiroideo). Anche i cambiamenti da apportare allo stile di vita dipenderanno dalla causa.

Se vi è stata diagnosticata una tiroidite, non esitate a risolvere ogni dubbio con lo specialista. In questo modo sarete in grado non solo di capire il problema e la sua portata, ma anche il motivo del trattamento proposto e i cambiamenti di routine che dovrete eventualmente adottare.

Potrebbe interessarti ...
Tiroidite di Hashimoto: sintomi, cause e trattamento
Muy SaludLeggi in Muy Salud
Tiroidite di Hashimoto: sintomi, cause e trattamento

La tiroidite di Hashimoto è una condizione autoimmune in cui i linfociti attaccano i tessuti della tiroide e ne alterano il funzionamento.