Le interazioni farmacologiche più comuni

È molto importante informare il medico e il farmacista di tutte le malattie di cui si soffre e dei farmaci assunti per evitare interazioni farmacologiche rischiose.
Le interazioni farmacologiche più comuni
María Vijande

Scritto e verificato da la farmacéutica María Vijande in 27 luglio, 2021.

Ultimo aggiornamento: 27 luglio, 2021

Quando si assume un farmaco, l’effetto sull’organismo può essere diverso dal previsto a causa di possibili interazioni farmacologiche. Per questo motivo è fondamentale non automedicarsi e restare sotto controllo medico nel caso in cui sia necessaria una cura.

Le interazioni farmacologiche portano spesso effetti indesiderati e talvolta dannosi. Inoltre possono intensificare o ridurre l’azione dei farmaci portando a effetti collaterali o al fallimento del trattamento.

Possiamo distinguere due tipi di interazioni farmacologiche:

  • Farmacodinamica: se l’interazione influisce sul processo farmacologico innescato dal farmaco nell’organismo.
  • Farmacocinetica: se vengono alterati i processi di assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione del principio attivo.

Le interazioni più comuni sono:

  • Interazione farmacologica.
  • Interazioni tra farmaci e nutrienti.
  • Interazione farmaco-malattia.

Interazioni farmacologiche

Le interazioni farmacologiche possono verificarsi sia con farmaci da prescrizione che da banco.

È obbligo sia del medico che del farmacista spiegare al paziente le possibili interazioni che possono derivare dai farmaci assunti.

effetti collaterali del farmaco

Gli effetti che possono apparire con questi tipi di interazioni includono la duplicazione e l’antagonismo. Queste interazioni farmacologiche sono farmacodinamiche.

Duplicazione

Questo tipo di interazione farmacologica si verifica quando due farmaci hanno lo stesso effetto. Le reazioni avverse di entrambi possono risultare intensificate.

Ad esempio, è possibile assumere allo stesso tempo un medicinale per il raffreddore e un antidolorifico, entrambi con paracetamolo. La probabilità di questo tipo di effetto è alta con l’uso di farmaci che contengono più ingredienti o con marchio commerciale; sembrano diversi, sebbene la composizione sia simile.

Antagonismo

Questo effetto si verifica con due farmaci ad azione opposta. In questo modo, l’efficacia di uno o di entrambi può essere ridotta.

Un esempio è il caso dell’assunzione congiunta di un FANS come l’ibuprofene insieme a un diuretico come l’idroclorotiazide.

I FANS, che vengono utilizzati per alleviare il dolore, possono causare ritenzione di sale e liquidi nel corpo. D’altra parte, il diuretico aiuta ad eliminare il sale e i liquidi in eccesso dal corpo. Di conseguenza, quando si assumono entrambi i tipi di farmaci, il primo può ridurre gli effetti del secondo.

Interazioni tra farmaci e nutrienti

Cibo, bevande e integratori alimentari sono considerati nutrienti. Il consumo di sostanze di questo tipo può alterare gli effetti dei farmaci.

Cibo

I farmaci assunti per via orale devono essere assorbiti attraverso la parete dello stomaco e dell’intestino tenue. Di conseguenza, la presenza di cibo nel tratto digestivo può ridurre l’assorbimento di un farmaco. Per evitare questa interazione, il medicinale viene solitamente assunto 1 ora prima o 2 ore dopo un pasto.

Alcol

interazioni farmacologiche: alcol-farmaci

Sebbene l’alcol non sia un nutriente in sé, agisce sui processi del corpo e interagisce con molti farmaci. Ad esempio, bere alcolici mentre si assume un antibiotico come il metronidazolo può causare una serie di reazioni avverse.

Integratori alimentari

Contengono vitamine, sali minerali, erbe o aminoacidi e vengono assunti a sostegno della normale dieta. Sono regolamentati come cibo, non come farmaci, quindi non sono stati sottoposti a test specifici per farmaci.

Possono interagire sia con i farmaci da banco che con quelli da prescrizione. Per evitare ciò, quando si assumono integratori alimentari è bene informare il medico e il farmacista.

Potrebbe interessarvi anche: Che cos’è un farmaco generico?

Interazioni tra farmaci e malattie

In generale, i farmaci sono efficaci contro una malattia e dannosi in altri disturbi. Un esempio sono alcuni β-bloccanti utilizzati nel trattamento delle malattie cardiache o dell’ipertensione arteriosa, che possono peggiorare l’asma.

Alcuni farmaci usati per il comune raffreddore peggiorano il glaucoma. Pertanto, per evitare complicazioni, il paziente deve informare il medico di tutte le malattie di cui soffre quando gli viene prescritto un nuovo farmaco.

Le malattie cui prestare più attenzione sono:

  • Diabete.
  • Ipertensione o ipotensione.
  • Ulcera.
  • Glaucoma.
  • Ipertrofia prostatica.
  • Incontinenza urinaria
  • Insonnia.
Potrebbe interessarti ...
4 farmaci per abbassare la febbre
Muy SaludLeggi in Muy Salud
4 farmaci per abbassare la febbre

L'aspirina, il paracetamolo, il metamizolo e l'ibuprofene sono i più noti farmaci per abbassare la febbre. Impariamo a conoscerli.



  • Girona Brumós, L. (2013). Interacciones Farmacológicas: Descripción Y Mecanismos Actitud Clínica Ante Las Interacciones Farmacológicas. Introducción a Las Interacciones Farmacológicas 1a Edición.
  • de Cos, M. A. (1997). Interacciones de fármacos y sus implicaciones clínicas. J. Flores Farmacología Humana. https://doi.org/10.1055/s-0033-1344566
  • Morales-Olivas, F. J., & Estañ, L. (2005). Interacciones farmacológicas de los fármacos antihipertensivos. Medicina Clinica. https://doi.org/10.1157/13075851
  • Serrano López De Las Hazas, J. I. (2011). Interacciones farmacológicas de los nuevos antirretrovirales. Farmacia Hospitalaria. https://doi.org/10.1016/j.farma.2010.01.018
  • Girona, L. (2013). Interacciones farmacol??gicas. Pharmaceutical Care Espana. https://doi.org/10.1016/S0212-8241(05)71554-1