Diabete e secchezza delle fauci: come sono correlati?

La secchezza delle fauci è uno dei primi sintomi del diabete. Spesso sottovalutata, favorisce infezioni orali ricorrenti come gengiviti, carie e perdita di smalto dei denti.
Diabete e secchezza delle fauci: come sono correlati?

Scritto da Luis Rodolfo Rojas Gonzalez, 25 giugno, 2021

Ultimo aggiornamento: 25 giugno, 2021

Il diabete è una malattia metabolica associata a gravi complicazioni a carico di cuore, reni, cervello e occhi. Può causare anche sintomi meno gravi a livello di bocca e gengive. In che modo il diabete e la secchezza delle fauci sono correlati? Ve lo diciamo in questo articolo.

È nota come xerostomia  la sensazione di secchezza della bocca o mancanza parziale o totale di saliva. Gli studi stimano un’incidenza superiore al 20% nelle persone over 60 con una malattia cronica. La secchezza delle fauci è, tuttavia, un sintomo tipico del diabete che può favorire complicazioni come gengiviti o parodontiti.

Secchezza delle fauci: come si riconosce?

Diabete e secchezza delle fauci vengono solitamente risolti temporaneamente bevendo acqua
Le persone diabetiche spesso hanno bisogno di bere grandi quantità di acqua.

La saliva è essenziale per il mantenimento e la protezione della salute orale. Favorisce la conservazione dei denti, l’eliminazione degli agenti patogeni, la regolazione del pH della bocca e la deglutizione.

Quando avviene una carenza di saliva, si avverte una spiacevole sensazione di secchezza che spesso porta il paziente diabetico a svegliarsi la notte. Allo stesso modo, la secchezza delle fauci può essere accompagnata da:

  • Labbra secche, pallide e screpolate.
  • Bruciore di bocca e gengive.
  • Dolore nella cavità orale.
  • Difficoltà a masticare, deglutire e parlare.
  • Lingua ruvida, secca e pallida.
  • Afte o ulcere.

D’altra parte, la secchezza delle fauci favorisce infezioni orali ricorrenti come gengiviti, carie e perdita di smalto dei denti. La causa risiede in un’alterazione del microbiota della bocca, nonché dell’affezione strutturale delle gengive e dei denti.

Secchezza delle fauci e diabete: quale collegamento?

Il diabete mellito è una condizione caratterizzata da alti livelli di zucchero o glucosio nel sangue. Questo fatto favorisce la comparsa dei sintomi tipici del diabete e lo sviluppo di complicanze a breve e lungo termine.

In genere, la sensazione di secchezza della bocca presente nei pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 è il risultato di un aumento della frequenza e del volume delle minzioni. L’eccesso di zucchero nel sangue favorisce la filtrazione renale delle urine, aumentando la perdita di liquidi e aumentando l’osmolalità plasmatica.

Questa situazione genera uno stato di relativa disidratazione che altera la produzione di saliva, sia in quantità che in composizione. Quando c’è una carenza di saliva, le mucose del cavo orale perdono la loro umidità; ciò porta alla tipica sensazione di secchezza delle fauci del diabete.

Allo stesso modo, è comune avvertire una sete intensa o polidipsia.

Secondo alcune ricerche, la carenza di saliva fa parte della patogenesi delle malattie parodontali e peggiora il controllo glicemico. Allo stesso modo, anche altre condizioni, che possono verificarsi nei diabetici, inducono o peggiorano la secchezza delle fauci, tra cui:

Scialosi diabetica

La scialosi è una malattia delle ghiandole salivari che si presenta come un ingrossamento bilaterale indolore delle ghiandole principali. La ghiandola parotide è la più colpita e il sintomo principale è la sensazione di secchezza delle fauci.

A lungo termine, il diabete è in grado di alterare la struttura e il funzionamento di queste ghiandole, compromettendo l’escrezione della saliva. Gli studi suggeriscono che la scialosi è comune nei pazienti alcolisti cronici e nei diabetici. Tuttavia, nei pazienti con diabete il rigonfiamento ghiandolare è maggiore a causa dell’infiltrazione di grasso.

Disturbi renali

Il danno renale è una delle complicanze più temute del diabete mellito. Negli stadi avanzati della malattia, l’iperglicemia danneggia le membrane e i tessuti renali, favorendo la disregolazione della filtrazione renale. Per questo motivo si ha un progressivo aumento della perdita di liquidi e dell’intensità della disidratazione.

In questo caso, la persona con diabete sperimenterà aumento della sete, sensazione di secchezza delle fauci, pallore della pelle e delle mucose, nonché disorientamento. Per questo motivo, il controllo periodico della malattia e della glicemia è essenziale per evitare l’insufficienza renale allo stadio terminale.

D’altra parte, il diabete insipido nefrogenico o centrale può alterare la capacità renale di espellere l’urina. Si tratta di una forma meno comune di diabete causata da una disregolazione dell’ormone antidiuretico. Questo è responsabile della concentrazione dell’urina e della prevenzione della perdita di liquidi, quindi una sua alterazione favorisce l’eliminazione di grandi quantità di urina diluita e intensa sete.

Medicinali

Diabete e secchezza delle fauci sono legati all'uso di droghe
Le persone con diabete soffrono spesso di altre patologie associate. Alcuni farmaci assunti possono causare xerostomia.

In generale, alcuni farmaci utilizzati nella gestione del diabete e delle sue comorbilità possono provocare come effetto collaterale una sensazione di secchezza delle fauci. È il caso della metformina, un ipoglicemizzante orale comunemente usato nella gestione del diabete di tipo 2. Questo medicinale è associato a effetti avversi come stanchezza, pelle secca, secchezza delle fauci e sonnolenza.

D’altra parte, l’ipertensione che di solito accompagna il diabete viene trattata con farmaci che possono causare secchezza del cavo orale.

Questi includono farmaci diuretici e inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). Per questo motivo è necessario consultare un medico e conoscere le opzioni di trattamento e gli effetti associati.

Chetosi alimentare

Per chetosi si intende un deficit di carboidrati con aumento del metabolismo degli acidi grassi indotto da una dieta chetogenica. Gli studi stimano che questa dieta sia una scelta frequente nei pazienti con diabete di tipo 2.

La dieta chetogenica porta a un aumento del rilascio di glicogeno e della perdita di liquidi. Pertanto, può essere collegata a una sensazione di secchezza delle fauci e disidratazione nei pazienti con diabete.

In questo senso è importante consultare il diabetologo quando si intende seguire una dieta e avvisare se si soffre di qualche disagio che ne consigli la sospensione.

Chetoacidosi diabetica

La chetoacidosi diabetica è una complicanza comune nei diabetici di tipo 1. È caratterizzata da iperglicemia, iperchetonemia e acidosi metabolica. Si verifica a causa della carenza di insulina che induce la metabolizzazione degli acidi grassi e la produzione di chetoni per l’energia.

Elevati livelli di zucchero nel sangue e acidi promuovono la diuresi osmotica e la perdita di liquidi. In questo senso, la persona può presentare vomito, nausea, secchezza delle fauci, pelle secca, distress respiratorio, disturbi sensoriali e coma. Questa alterazione può manifestarsi anche in alcuni pazienti con diabete di tipo 2.

Trattamenti per la secchezza della bocca nel diabete

Nella maggior parte dei pazienti con diabete, un controllo adeguato dei livelli di zucchero nel sangue è il modo principale per alleviare la secchezza delle fauci. Allo stesso modo, è fondamentale identificare e affrontare altre patologie che potrebbero contribuire allo sviluppo di questo sintomo.

Il National Institute Dental and Craniofacial Research (NIH) raccomanda le seguenti linee guida per evitare la secchezza e proteggere la salute orale:

  • Garantire un’adeguata assunzione di acqua durante il giorno.
  • Evitare di consumare cibi e bevande zuccherati o salati.
  • Ridurre o eliminare il consumo di caffeina.
  • Evitare il consumo eccessivo di sigarette e alcol.
  • Utilizzare apparecchiature per l’umidificazione di notte o al lavoro.
  • Assumere i farmaci consigliati dal dentista o dal medico curante.
  • Praticare una corretta igiene dentale, lavando i denti due volte al giorno e usando regolarmente il filo interdentale.

Una condizione da non sottovalutare

La secchezza delle fauci è una condizione comune nei pazienti diabetici e spesso fonte di disagio. In genere si tende a trascurare questo sintomo o a non prestarvi attenzione. Tuttavia, va tenuto presente che la secchezza orale è direttamente associata alla disidratazione e all’iperglicemia.

Per questo motivo, questa manifestazione è il segno di qualcosa che non va. In presenza di secchezza delle fauci o altri sintomi, non esitate a consultare il medico.

Potrebbe interessarti ...
Diarrea nel diabete: una complicanza comune
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Diarrea nel diabete: una complicanza comune

Gli effetti gastrointestinali del diabete sono i più trascurati. La diarrea nel diabete è una complicanza comune, quali sono le cause?



  • González Jiménez E, Aguilar Cordero M, Guisado Barrilao R, Tristán Fernández J et al. Xerostomía: Diagnóstico y Manejo Clínico. Rev Clin Med Fam. 2009; 2( 6 ): 300-304.
  • García Mateos M, Ortiz Urdiain F. Manifestaciones orales como primer signo de diabetes mellitus. SEMERGEN – Medicina de Familia. 2004; 30(4): 169-174.
  • Carda C, Carranza M, Arriaga A, Díaz A et al. Diferencias estructurales entre las sialosis parotidea de etiología diabética y alcohólica. Med. oral patol. oral cir. bucal. 2005;  10( 4 ): 309-314.
  • Ludwig D. The Ketogenic Diet: Evidence for Optimism but High-Quality Research Needed. The Journal of Nutrition. 2020; 150(6): 1354–1359.
  • López-Pintor RM, Casañas E, González-Serrano J, Serrano J et al. Xerostomia, Hyposalivation, and Salivary Flow in Diabetes Patients. J Diabetes Res. 2016;2016:4372852.
  • Mauri-Obradors E, Estrugo-Devesa A, Jané-Salas E, Viñas M, López-López J. Oral manifestations of Diabetes Mellitus. A systematic review. Med Oral Patol Oral Cir Bucal. 2017;22(5):e586-e594.