La dieta ideale per chi soffre di ipotiroidismo

Vi mostreremo quali sono i punti chiave a livello dietetico per ottimizzare la gestione dell'ipotiroidismo e ottenere un aumento della qualità della vita dei pazienti.
La dieta ideale per chi soffre di ipotiroidismo
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 13 gennaio, 2023

L’ipotiroidismo è una malattia cronica complessa. Oggi non c’è una soluzione nota per questo, si può soltanto scommettere su una serie di strategie che ne facilitano la gestione. Ora, è vero che attraverso la farmacologia e il trattamento dietetico si possono ottenere grandi progressi, migliorando la qualità della vita del paziente.

La prima cosa da chiarire è che l’ipotiroidismo può condizionare le abitudini e la composizione corporea della persona che ne soffre. È comune sperimentare uno stato di stanchezza e affaticamento cronici, sebbene questa situazione possa essere significativamente alleviata attraverso i farmaci. D’altra parte, l’ipotiroidismo non ha sempre la stessa intensità.

La dieta per chi ha l’ipotiroidismo

L'ipotiroidismo e le sue conseguenze per l'organismo
I disturbi della tiroide sono caratterizzati da forti squilibri metabolici. Per questo motivo, garantire una buona alimentazione è fondamentale per controllare la malattia.

Uno degli obiettivi dell’intervento dietetico nel contesto dell’ipotiroidismo ha a che fare con il miglioramento dello stato della composizione corporea. Il metabolismo è condizionato, quindi sarà necessario regolare il bilancio energetico per prevenire l’aumento di peso che potrebbe influire sulla salute. Nel caso in cui il tessuto adiposo inizi ad aumentare, aumenterà anche l’incidenza di molte malattie croniche, come quelle di tipo metabolico.

Per evitare ciò, sarà un prezzo per garantire l’equilibrio calorico. Può essere necessario ridurre le porzioni di cibo ai pasti, o limitare l’assunzione di carboidrati per ottenere una maggiore efficienza nei processi di ossidazione dei grassi. In questo modo si eviterebbe un accumulo degli stessi nel tessuto sottocutaneo.

Un protocollo che ha mostrato grandi benefici nel contesto dell’ipotiroidismo è il digiuno intermittente. Non solo riduce l’accumulo di massa grassa, ma favorisce anche una serie di cambiamenti nella funzione metabolica che ne aumentano l’efficienza. Inoltre, sperimenterai un fenomeno noto come autofagia, in grado di aiutare a mantenere una buona salute.

Tra i principali vantaggi dei protocolli di digiuno, possiamo evidenziare la loro aderenza. Soprattutto quando viene eliminata la colazione, le persone tendono ad adattarsi molto bene ad essa, evitando una situazione di ansia che potrebbe mettere a rischio il trattamento. Né si avvertirà un effetto rebound, poiché si tratta di un meccanismo dietetico che può essere esteso nel tempo.

L’importanza di regolare i micronutrienti

Non è solo necessario garantire un equilibrio a livello energetico nelle persone con ipotiroidismo. È fondamentale aumentare l’apporto di alcuni nutrienti, poiché il fabbisogno può essere aumentato o alterato da varie circostanze. Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Biological Trace Element Research .

In particolare , sarà fondamentale massimizzare l’apporto di iodio e ferro. Questi nutrienti essenziali sono determinanti nella funzione tiroidea, poiché intervengono nella fisiologia degli ormoni. È stato dimostrato che il suo consumo in quantità sufficienti stimola la produzione di T3, che avrà un effetto positivo sulla funzione metabolica e sul benessere del paziente.

Allo stesso modo, il selenio sarà un altro dei minerali essenziali che sarà importante nei pazienti con ipotiroidismo. Per garantire l’apporto di tutti questi elementi sarà necessario proporre una dieta variata con la presenza di alimenti di origine marina, come molluschi, e noci. In questo modo, i requisiti potrebbero essere coperti, anche se in alcuni casi sarà necessaria anche un’integrazione.

D’altra parte, anche mantenere i livelli di vitamina D in un intervallo adeguato può fare la differenza. Questo nutriente funziona come un ormone. Modula i livelli di infiammazione e il suo deficit può essere legato allo sviluppo di patologie metaboliche e complesse. Tuttavia, quasi la metà della popolazione non ne ha un contributo ottimale. Per risolvere questo problema, si consiglia l’esposizione alla luce solare.

La dieta per potenziare gli effetti della farmacologia

Ci sono una serie di considerazioni dietetiche che devono essere prese in considerazione affinché la farmacologia somministrata funzioni in modo ottimale, sviluppando così il suo pieno potenziale. Nell’ipotiroidismo, la levotiroxina viene somministrata più spesso ai pazienti. È un farmaco che riesce ad aumentare la funzione metabolica, riducendo anche i sintomi associati alla malattia.

Tuttavia, è importante distanziare l’assunzione del farmaco da alcuni composti come il caffè, poiché potrebbero inibirne l’assorbimento. In questo caso, gli effetti sarebbero ridotti, il che avrebbe un impatto negativo sulla qualità della vita del paziente. Allo stesso modo, è stato riscontrato che la somministrazione di levotiroxina insieme ad una dose di vitamina C aumenta la disponibilità del farmaco, migliorando la successiva risposta.

Alimenti da evitare

Ci sono un certo numero di alimenti il cui consumo dovrebbe essere evitato se si è sviluppato l’ipotiroidismo, in quanto possono aumentare il rischio di generare gozzo. È noto con questo nome per un ingrossamento della ghiandola che può portare al suo trattamento chirurgico nei casi più aggressivi. Questa è una situazione che dovrebbe essere evitata.

Come regola generale, si consiglia di limitare il consumo di crucifere, come cavoli, cavoli, cavoletti di Bruxelles, broccoli, cavoli e cavolfiori. Attenzione anche alle rape e ai semi di senape. Anche con la yucca. Sebbene siano meno pericolosi, non è il caso di esagerare con spinaci, carote, pinoli e noci.

Ad ogni modo, non accadrà nulla per includere tutti questi edibili nella dieta in tempo e in dosi moderate. Ciò che è importante evitare è la loro presenza regolare nel modello. Ciò migliorerà la funzione della ghiandola, evitando alterazioni che possano influenzare la sua morfologia o gli effetti del farmaco.

Alimenti consigliati per l’ipotiroidismo

Ipotiroidismo e dieta del pesce
Evitare cibi ultra-elaborati e favorire il consumo di cibi freschi e naturali è una buona idea per le diete dei pazienti con ipotiroidismo.

D’altra parte, è importante notare che ci sono alcuni alimenti che sono altamente raccomandati nel contesto dell’ipotiroidismo. Ad esempio, il cibo del mare, in particolare i molluschi, può essere consumato frequentemente. Questi hanno al loro interno quantità significative di ferro e iodio, due elementi determinanti per la funzione della tiroide.

Anche la carne deve essere inserita frequentemente nella guida, data la sua elevata densità nutritiva. Possono essere una fonte di selenio e zinco, due minerali essenziali che potenziano la funzione immunitaria e aiutano a raggiungere uno stato di omeostasi ormonale.

Allo stesso modo, sarà decisivo aumentare l’assunzione di cibi con fibre. Questa sostanza ritarda l’assorbimento dei carboidrati e ha dimostrato di aumentare la sensazione di pienezza. Sebbene sia vero che uno dei sintomi dell’ipotiroidismo è lo scarso appetito, sarà necessario controllare la fame per evitare uno squilibrio energetico verso il consumo.

Per questo motivo legumi e cereali integrali sono una buona opzione. Naturalmente, non va dimenticato che la fibra può agire come antinutriente, bloccando l’assorbimento di alcuni minerali. In questo senso, si raccomanda che questa sostanza non compaia in tutti i pasti. È meglio fare un numero maggiore di assunzioni di volume minore e con una varietà di cibi consumati.

La malattia di Hashimoto

In caso di ipotiroidismo causato dalla malattia di Hashimoto, deve essere aumentata la presenza di composti antinfiammatori nella dieta, poiché questo contesto è caratterizzato da un aumento dei livelli di infiammazione nell’organismo.

La cosa più appropriata è potenziare l’apporto di acidi grassi della serie omega 3 e di sostanze fitochimiche come la curcumina o gli antociani. Anche la vitamina E contenuta negli avocado sarà di grande aiuto.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Alternative Therapies in Health and Medicine, è fondamentale garantire la presenza di grassi di qualità nella dieta. Allo stesso modo, sarà necessario soddisfare il fabbisogno vitaminico, potendo valutare in alcuni casi l’integrazione.

L’esercizio fisico, un pilastro imprescindibile

È chiaro che l’ottimizzazione della dieta sarà decisiva per raggiungere il successo nel trattamento dell’ipotiroidismo. Ora bisognerà promuovere altre buone abitudini. Tra questi c’è l’esercizio fisico, in particolare il lavoro di forza. Questo tipo di attività permette di aumentare i livelli di massa muscolare attraverso processi di ipertrofia.

Una maggiore quantità di massa magra si traduce in un aumento del dispendio energetico giornaliero, che consentirà di introdurre più cibo nella dieta senza rischiare un aumento di peso. Inoltre, il muscolo è un tessuto che ha una funzione decisiva quando si tratta di ottimizzare il metabolismo. Pertanto, sarà importante mantenerlo nelle giuste proporzioni.

È chiaro che un po’ di lavoro aerobico può essere proposto anche a complemento dell’esercizio di forza, ma bisogna privilegiare le attività con i pesi per ottenere risultati più soddisfacenti a medio termine. Inoltre, in questo contesto di esercizio, possono essere inclusi nel regime alcuni integratori che massimizzeranno i risultati, ottenendo così una maggiore motivazione da parte del paziente.

La creatina è tra gli integratori più efficaci per i pazienti ipotiroidei. Aumenta la forza massima e migliora la capacità di recupero tra le sessioni. Riesce a stimolare le vie anaboliche dell’organismo, favorendo l’acquisizione di massa magra e contribuendo al raggiungimento di un buono stato di composizione corporea che salvaguarda la salute.

La dieta deve essere ottimizzata in caso di ipotiroidismo

Come hai visto, un intervento dietetico nei pazienti con ipotiroidismo sarà particolarmente importante per ottenere una buona gestione della malattia, aumentando la qualità della vita dei pazienti. Se si considerano le abitudini adeguate, si può raggiungere uno stato di benessere che si mantiene nel tempo, senza che la composizione corporea venga condizionata.

Ora, va notato che ci sono diverse intensità e tipi di ipotiroidismo. Nei casi più aggressivi sarà fondamentale adeguare il farmaco per attivare il metabolismo e ottenere un buon utilizzo dei nutrienti. In caso contrario, i pazienti potrebbero vivere una situazione di stanchezza cronica da cui sarà difficile uscire.

Potrebbe interessarti ...
Trattamento dell’ipotiroidismo
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Trattamento dell’ipotiroidismo

Il trattamento dell'ipotiroidismo combina alcuni farmaci a piccoli cambiamenti nello stile di vita. In che cosa consiste?



  • Akasheh, R. T., Kroeger, C. M., Trepanowski, J. F., Gabel, K., Hoddy, K. K., Kalam, F., Cienfuegos, S., & Varady, K. A. (2020). Weight loss efficacy of alternate day fasting versus daily calorie restriction in subjects with subclinical hypothyroidism: a secondary analysis. Applied physiology, nutrition, and metabolism = Physiologie appliquee, nutrition et metabolisme45(3), 340–343. https://doi.org/10.1139/apnm-2019-0554
  • Talebi, S., Ghaedi, E., Sadeghi, E., Mohammadi, H., Hadi, A., Clark, C., & Askari, G. (2020). Trace Element Status and Hypothyroidism: A Systematic Review and Meta-analysis. Biological trace element research197(1), 1–14. https://doi.org/10.1007/s12011-019-01963-5
  • Luo, J., Hendryx, M., Dinh, P., & He, K. (2017). Association of Iodine and Iron with Thyroid Function. Biological trace element research179(1), 38–44. https://doi.org/10.1007/s12011-017-0954-x
  • Skelin, M., Lucijanić, T., Amidžić Klarić, D., Rešić, A., Bakula, M., Liberati-Čizmek, A. M., Gharib, H., & Rahelić, D. (2017). Factors Affecting Gastrointestinal Absorption of Levothyroxine: A Review. Clinical therapeutics39(2), 378–403. https://doi.org/10.1016/j.clinthera.2017.01.005
  • Warrilow, A., Mellor, D., McKune, A., & Pumpa, K. (2019). Dietary fat, fibre, satiation, and satiety-a systematic review of acute studies. European journal of clinical nutrition73(3), 333–344. https://doi.org/10.1038/s41430-018-0295-7

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.