4 alimenti che alzano il colesterolo

Vi mostreremo quali sono i principali alimenti che aumentano il colesterolo e in quali contesti questo parametro può indicare il rischio cardiovascolare.
4 alimenti che alzano il colesterolo
Saúl Sánchez

Scritto e verificato da el nutricionista Saúl Sánchez.

Ultimo aggiornamento: 22 gennaio, 2023

Tenere sotto controllo il profilo lipidico è stato uno degli obiettivi dietetici degli ultimi anni. Tuttavia, oggi questo è cambiato. Altri parametri sono maggiormente prioritari al fine di prevenire le malattie cardiovascolari. Nonostante ciò, vi insegneremo quali sono gli alimenti che alzano il colesterolo, in modo che prestiate un po’ più di attenzione.

La prima cosa da tenere a mente è che uno dei pilastri di una dieta sana è la varietà. È inutile proporre un regime molto restrittivo, poiché a medio termine non genererà aderenza e comincerà l’ansia. Al contrario, aumenta il rischio di subire un deficit di micronutrienti essenziali, che condizionerebbero negativamente il funzionamento dell’organismo.

Cibi che alzano il colesterolo

Successivamente vi mostreremo quali sono gli alimenti che alzano il colesterolo nel corpo. Alcuni di essi sono considerati malsani, ma non più per il loro effetto sul profilo lipidico, ma perché contengono all’interno additivi e alcune sostanze nocive.

Salsiccia

La salsiccia è un alimento a base di scarti di carne, non sempre di buona qualità. Contiene proteine di alto valore biologico, ma anche una notevole quantità di acidi grassi trans. Questi hanno dimostrato di essere dannosi per la salute e per il profilo lipidico, poiché aumentano i livelli circolanti di colesterolo e trigliceridi.

La salsiccia, invece, viene solitamente preparata aggiungendo una serie di additivi che ne aumentano la conservabilità, di tipo conservante. I nitriti spiccano tra tutti per la loro pericolosità. Ci sono prove che potrebbero influire negativamente sulla salute, aumentando il rischio di soffrire di alcuni tipi di cancro associati al tratto digestivo.

Pertanto, è sempre meglio dare la priorità agli alimenti freschi nella dieta che non alzano il colesterolo. Questi di solito non concentrano additivi all’interno, il che limita una buona parte dei possibili effetti nocivi. Non c’è nessun problema nell’inserire nel cartamodello le carni rosse, ma queste non devono essere lavorate ed è necessario garantire un corretto metodo di cottura. È meglio prepararli alla griglia, al forno o cotti.

Patatine fritte

Tra gli alimenti che alzano il colesterolo ci sono le patatine fritte
I compagni per antonomasia di qualsiasi tipo di cibo spazzatura contengono al loro interno molti lipidi dannosi, dovuti principalmente al processo di frittura.

Le patatine fritte sono alimenti che forniscono anche acidi grassi trans. Pertanto, hanno un impatto negativo sui livelli di colesterolo e trigliceridi nel corpo. Tuttavia, il problema non è nei tuberi stessi, ma nel processo di frittura a cui sono sottoposti. Verrà aumentato anche il suo valore energetico, che può condizionare l’aumento di peso nel medio termine.

Va notato che i tuberi sono uno dei migliori alimenti con un alto contenuto di carboidrati che possono essere inclusi nelle linee guida dietetiche. Forniscono zuccheri a lunga catena e fibre, elemento essenziale per garantire una buona salute intestinale. Questo composto aderisce al bolo fecale aumentandone il volume, il che consente una migliore gestione della stitichezza. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata su Nature Reviews.

Inoltre, le patate sono una fonte di vitamina C. Questo elemento contribuisce a migliorare la funzione immunitaria, riducendo l’incidenza di malattie respiratorie infettive. Può anche aiutare a migliorare la loro gestione, riducendo la gravità e la durata dei sintomi. Pertanto, è essenziale che i livelli del nutriente nel corpo siano ottimali.

Pasticcini

La pasticceria è uno dei maggiori esponenti degli alimenti trasformati. Ha al suo interno grassi trans, con additivi e con una grande quantità di zuccheri aggiunti. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Hepatology , questi ultimi ingredienti rappresentano un rischio per la salute del fegato e del pancreas. Per questo motivo si consiglia di ridurne la presenza nella dieta.

È comune che i prodotti da forno incorporino grassi di bassa qualità parzialmente o totalmente idrogenati. Questi migliorano la consistenza del risultato finale, aumentando la durata di conservazione degli edibili. Dureranno più a lungo e non irrancidiscono, ottenendo così una migliore conservazione.

Tuttavia, gli effetti di questi alimenti sul corpo sono negativi. Riescono ad aumentare i livelli di colesterolo e trigliceridi, aumentando anche il tasso di ossidazione delle lipoproteine. Ciò è particolarmente preoccupante, poiché il colesterolo ossidato si è dimostrato il più pericoloso a medio termine. Sarebbe responsabile, insieme ai processi infiammatori, dell’aterosclerosi.

Bevande alcoliche

L’alcol in quanto tale potrebbe non avere un’influenza molto decisiva sul livello di colesterolo totale, ma aumenterà il tasso di ossidazione delle lipoproteine, che è considerato molto più dannoso. È una sostanza tossica indipendentemente dalla dose consumata, quindi è meglio limitare o restringere la sua presenza nella dieta.

Gli effetti sono ancora peggiori se combinati con bibite zuccherate. I carboidrati semplici in grandi quantità influenzano anche il profilo lipidico e i livelli di infiammazione nel corpo, aumentando il rischio cardiovascolare. Inoltre, genereranno stress a livello pancreatico, che si traduce in una maggiore incidenza di diabete. Lo afferma uno studio pubblicato sul Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition.

È davvero pericoloso avere il colesterolo alto?

Negli ultimi anni è stato dimostrato che non sempre è pericoloso avere alti livelli di colesterolo. Sarà necessario differenziare accuratamente la concentrazione di ciascuna delle lipoproteine, nonché studiare lo stile di vita della persona e il profilo infiammatorio. In questo senso, i risultati possono essere eterogenei, quindi è necessaria un’analisi individualizzata.

Tenete presente che esiste una forte determinazione genetica per quanto riguarda i livelli di colesterolo nel corpo. Questa sostanza è prodotta in modo endogeno, quindi il suo apporto alimentare non avrà un’influenza decisiva. Il corpo è in grado di regolare la sintesi in base alla quantità di grassi saturi e colesterolo che compaiono nello schema.

Tuttavia, i grassi trans sono in grado di influenzare questo parametro. Non solo influenzando la concentrazione delle lipoproteine in questione, ma anche modificando la loro velocità di ossidazione. Per questo motivo è conveniente analizzare le abitudini alimentari della persona unitamente al suo profilo lipidico. Ad esempio, un livello di colesterolo totale di 250 in uno sportivo non sarebbe affatto preoccupante.

Tuttavia, ogni volta che ci sono dubbi a riguardo, è meglio consultare un professionista. Naturalmente, la somministrazione di farmaci per controllare il colesterolo dovrebbe rivelarsi l’ultima opzione. Hanno una moltitudine di effetti collaterali e il presunto beneficio che generano non è stato adeguatamente dimostrato dalla letteratura scientifica.

Abitudini che modificano il colesterolo

Una dieta ricca di cibi che aumentano il colesterolo può essere combattuta con l'esercizio
Rimanere in forma non solo aiuta a migliorare la composizione corporea, ma aiuta anche a raggiungere una buona salute.

Il profilo lipidico non può essere modificato solo attraverso la dieta, ma ci sono molti altri fattori che lo influenzano. Il più influente di tutti è il grado di attività fisica. La pratica regolare dell’esercizio ottimizzerà il livello di colesterolo, oltre a generare un ambiente di omeostasi positiva nell’ambiente interno.

In questo modo, è possibile ridurre i livelli di infiammazione e ossidazione nel corpo, che provocano davvero un impatto benefico sullo stato di salute. In questo contesto, è improbabile che si formi effettivamente aggregazione all’interno dei vasi sanguigni, che è correlata alla genesi dei coaguli e alla comparsa di gravi problemi cardiovascolari.

Allo stesso modo, il sonno adeguato è essenziale. Almeno sarà necessario garantire 7 o 8 ore di sonno ogni notte in modo che il corpo umano si riprenda correttamente dopo ogni giorno. Se questo non viene soddisfatto, inizierai immediatamente a sperimentare alterazioni legate ai livelli di infiammazione e squilibri nella produzione ormonale, che colpisce tutti i sistemi.

Il mantenimento di alti livelli di stress influenzerà anche l’ossidazione delle lipoproteine e il profilo lipidico complessivo. Influenza anche altri parametri relativi alla salute cardiovascolare, come la pressione sanguigna. Riposarsi bene la notte aiuterà a ridurre lo stress, ma potrebbe anche essere necessario mettere in atto alcune abitudini per combatterli.

E che dire delle uova? Sono cibi che alzano il colesterolo?

Per lungo tempo è stato consigliato di limitare il consumo di uova per ottenere il controllo del profilo lipidico e per migliorare lo stato di salute. Tuttavia, attualmente è stato possibile dimostrare che questi alimenti non hanno un impatto negativo sull’organismo, ma piuttosto il contrario.

Come abbiamo commentato, il colesterolo alimentare e i grassi saturi non hanno un’influenza significativa sulla concentrazione delle lipoproteine.

L’importante è preparare le uova con metodi di cottura adeguati, come la griglia, il forno o la cottura con acqua. Sarà decisivo evitare di friggerlo, poiché in questo modo potrebbe generare grassi trans, oltre ad aumentare il valore energetico dell’alimento in questione.

Se vengono applicati buoni metodi di preparazione, le uova sono un tipo di alimento molto adatto da inserire in una dieta sana. Concentrano una grande quantità di nutrienti essenziali all’interno. Sono fonte di proteine ad alto valore biologico e di vitamina D, quest’ultimo elemento carente nella popolazione generale. Quasi il 50% delle persone non soddisfa il fabbisogno giornaliero di esso.

In questo senso, il consumo di uova può essere una delle principali strategie per garantire un buon apporto proteico giornaliero. Hanno tutti gli amminoacidi essenziali e un buon punteggio per la digeribilità. Aiuteranno a prevenire alterazioni nel corretto funzionamento della massa magra, garantendo il mantenimento della forza nel tempo.

Ridurre la presenza nella dieta di cibi che alzano il colesterolo

Esistono numerosi alimenti che alzano il colesterolo, alterando così il profilo lipidico dell’organismo. In ogni caso, non è questo il più pericoloso di loro, ma il fatto che riescono a modificare gli stati infiammatorio e ossidativo nell’ambiente interno, rompendo la situazione dell’omeostasi. Per questo motivo si consiglia di limitarne il più possibile il consumo.

Ora, ricordate che per prevenire le malattie cardiovascolari e per migliorare la salute sarà necessario combinare una serie di buone abitudini di vita. A livello dietetico va sottolineata la presenza nello schema di verdure e pesce azzurro, poiché questi ultimi concentrano all’interno gli acidi grassi omega 3, composti con un’elevata capacità antinfiammatoria.

Potrebbe interessarti ...
Come controllare il colesterolo
Muy Salud
Leggi in Muy Salud
Come controllare il colesterolo

E' possibile controllare il colesterolo promuovendo abitudini di vita sane, come dieta ed esercizio fisico.



  • Islam, M. A., Amin, M. N., Siddiqui, S. A., Hossain, M. P., Sultana, F., & Kabir, M. R. (2019). Trans fatty acids and lipid profile: A serious risk factor to cardiovascular disease, cancer and diabetes. Diabetes & metabolic syndrome13(2), 1643–1647. https://doi.org/10.1016/j.dsx.2019.03.033
  • Karwowska, M., & Kononiuk, A. (2020). Nitrates/Nitrites in Food-Risk for Nitrosative Stress and Benefits. Antioxidants (Basel, Switzerland)9(3), 241. https://doi.org/10.3390/antiox9030241
  • Vriesman, M. H., Koppen, I., Camilleri, M., Di Lorenzo, C., & Benninga, M. A. (2020). Management of functional constipation in children and adults. Nature reviews. Gastroenterology & hepatology17(1), 21–39. https://doi.org/10.1038/s41575-019-0222-y
  • Jensen, T., Abdelmalek, M. F., Sullivan, S., Nadeau, K. J., Green, M., Roncal, C., Nakagawa, T., Kuwabara, M., Sato, Y., Kang, D. H., Tolan, D. R., Sanchez-Lozada, L. G., Rosen, H. R., Lanaspa, M. A., Diehl, A. M., & Johnson, R. J. (2018). Fructose and sugar: A major mediator of non-alcoholic fatty liver disease. Journal of hepatology68(5), 1063–1075. https://doi.org/10.1016/j.jhep.2018.01.019
  • Rhoads, J. P., & Major, A. S. (2018). How Oxidized Low-Density Lipoprotein Activates Inflammatory Responses. Critical reviews in immunology38(4), 333–342. https://doi.org/10.1615/CritRevImmunol.2018026483
  • Fidler Mis, N., Braegger, C., Bronsky, J., Campoy, C., Domellöf, M., Embleton, N. D., Hojsak, I., Hulst, J., Indrio, F., Lapillonne, A., Mihatsch, W., Molgaard, C., Vora, R., Fewtrell, M., & ESPGHAN Committee on Nutrition: (2017). Sugar in Infants, Children and Adolescents: A Position Paper of the European Society for Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition Committee on Nutrition. Journal of pediatric gastroenterology and nutrition65(6), 681–696. https://doi.org/10.1097/MPG.0000000000001733

Los contenidos de esta publicación se redactan solo con fines informativos. En ningún momento pueden servir para facilitar o sustituir diagnósticos, tratamientos o recomentaciones provenientes de un profesional. Consulta con tu especialista de confianza ante cualquier duda y busca su aprobación antes de iniciar o someterse a cualquier procedimiento.